Le opere di Igor Mitoraj in mostra agli scavi di Pompei

Le opere di Igor Mitoraj in mostra agli scavi di Pompei

(Mario Caldara)     Era una delle ultime volontà di Igor Mitoraj, scultore polacco scomparso nel 2014. Come racconta Jean-Paul Sabatié, presidente dell’Atelier Mitoraj e amico dell’artista, l’esposizione a Pompei delle proprie opere era uno dei suoi ultimi desideri (un altro era l’essere seppellito a Pietrasanta dopo la sua morte). Certo, le dimensioni non avranno facilitato il trasporto, ma alla fine il desiderio di Mitoraj è stato esaudito. Mitoraj a Pompe, il nome dato all’esposizione, vede ora i suoi giganti aver “invaso” il sito archeologico di Pompei con la possibilità di ammirarli in tutta la loro grandezza e bellezza artistica dal 15 maggio 2016 all’8 gennaio 2017. Le sculture sono trenta, esposte in zone differenti, quali il Tempio di Venere, la Basilica, Via dell’Abbondanza, le Terme Stabiane, il Foro Triangolare e il Quadriportico dei Teatri. Luoghi antichi che accolgono statue, come Ikaria e Ikaro screpolato, l’Ikaro blu, il Centauro, il Centurione o il Dedalo, che rievocano tempi altrettanto antichi, e la cosa sbalordisce nel momento in cui si realizza di essere dinanzi a opere contemporanee. Le statue sono, infatti, perfettamente inserite in un contesto storico come quello degli scavi di Pompei, quasi come se fossero state concepite per essere lì, una sorta di loro habitat naturale. Ciò fa comprendere in un certo senso la volontà di Mitoraj di vedere le proprie creazioni in quello specifico sito archeologico, così come non sorprende la proposta avanzata da Emmanuele Emanuele, professore e presidente della fondazioneTerzo Pilastro-Italia e Mediterraneo, all’Atelier Mitoraj per la donazione a Pompei di una delle opere. Una bellezza smisurata, quella delle statue, tanto da abbagliare chiunque le osservi, Mattarella compreso, che, accompagnato dal Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, ha visitato il sito con i “nuovi arrivati”, non nascondendo il fascino che hanno immediatamente suscitato su di lui. Con le visite serali agli scavi, poi, previste ogni sabato dal 21 maggio fino al 1° ottobre, anche solo scorgendole da lontano, magari con il crepuscolo a fare da contorno, si potrà percepire quell’aura magnetica di cui le sculture sono circondate.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9778 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Dolce week end a Caserta con la Festa del Cioccolato

Claudio Sacco – Una grande delizia per gli occhi e ancor più per il palato. A Caserta ha preso il via la sesta edizione della Festa del Cioccolato – Chocolate Days in programma fino

Attualità

Sant’Elpidio, quel vescovo venuto dall’Africa per amare Atella

Luigi Fusco – Scappato dall’Africa nel 437 d.C., insieme ad altri undici presuli perseguitati dai vandali di Genserico, Elpidio, il cui nome in greco antico significa “colui che spera in

Attualità

Commercialisti Napoli Nord. Ecco la squadra di Carboni

“Questa lista vuole rispondere all’esigenza di dare concreta rappresentanza alle varie anime e ai territori che compongono l’Ordine di Napoli Nord, ma anche riconfermare dignità al valore delle prestazioni svolte”.