Le passeggiate reali, dalla Fontana di Diana e Atteone al Bosco di San Silvestro

Le passeggiate reali, dalla Fontana di Diana e Atteone al Bosco di San Silvestro

Ancora un appuntamento da non perdere con le passeggiate reali che guideranno i visitatori lungo l’Acquedotto di San Leucio seguendo la rampa sinistra di accesso al Torrione per conoscere l’ “Oasi del WWF” e sarà a cura dell’Ufficio Parco ed Acquedotto Carolino con Leonardo Ancona, Domenico Vallone, Addolorata Ines Peduto e Patrizio Lonardo.

L’Appuntamento con i visitatori è per domenica 19 giugno alle ore 9.30 davanti la Fontana di Diana ed Atteone. La Fontana di Diana e Atteone si trova nella parte alta della “Via d’Acqua” e raccoglie l’acqua della grande cascata, inaugurata nel 1768, che vien giù dal Montebriano ed è alimentata dall’Acquedotto Carolino. Nella fontana è possibile ammirare due gruppi scultorei: Diana circondata dalle ninfe e il cacciatore Atteone trasformato in cervo che sta per essere sbranato dai suoi stessi cani. E’ con la protezione della dea Diana, molto cara alle popolazioni che abitano i monti Tifatini, che i visitatori saliranno una delle rampe, quella di sinistra, che delimita la cascata per arrivare al bosco di S. Silvestro superando un vecchio cancello in ferro. Il bosco è oggi centro ambientale ed oasi protetta del WWF ed il suo simbolo è la ghiandaia che vive nei boschi dei Monti Tifatini. Il bosco racchiuso in un’area di 76 ettari comprende le colline di Montemaiuolo e Montebriano. Un tempo riserva di caccia e azienda agricola dei Borbone era una delle “Reali delizie”. Oggi è spettacolare la sua foresta di lecci e la macchia mediterranea con i suoi profumi e la sua fauna. E’ consigliato abbigliamento comodo e scarpe basse.

Collaboreranno con l’ Ufficio Parco ed Acquedotto Carolino gli studenti del Liceo Scientifico “A.Diaz” di Caserta grazie al progetto Alternanza Scuola Lavoro e nell’ “Oasi di San Silvestro” a guidare i visitatori sarà Franco Paolella direttore del Centro Ambientale del WWF.

L’ingresso al parco è a pagamento e la visita guidata è gratuita. La prenotazione è obbligatoria al numero 0823 277423 o per email leonardo.ancona@beniculturali.it

addolorataines.peduto@beniculturali.it

Fonte: Comunicato stampa

 

 

 

 

 

 

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9633 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

A Capua piace il presepe, mostra in chiesa a San Domenico

Luigi Fusco – Si inaugura mercoledì 8 dicembre alle 10 presso la Chiesa di San Domenico a Capua la “Mostra di arte presepiale”. L’evento, organizzato in prossimità delle festività natalizie,

Arte

Dalla Reggia al PAT, un “ritorno” a Caserta per Joseph Beuys

Enzo Battarra – «La rivoluzione siamo noi». L’affermazione di Joseph Beuys riecheggiò nel 1971 nella galleria di Lucio Amelio a Napoli. Il primo aprile 1980 il grande artista tedesco sarebbe tornato

Food

Niente crisi. Per il Cna è la pizza la protagonista della tavola

Claudio Sacco – Il business della pizza in Italia è uno dei più attivi fattori di sviluppo economico imprese coinvolte. Centomila addetti a tempo pieno che salgono a 200mila nei