Le sedie al Teatro TRAM di Napoli, la regia è di Antonio Iavazzo

Le sedie al Teatro TRAM di Napoli, la regia è di Antonio Iavazzo

Redazione -Dal 5 al 7 aprile 2024 al TRAM è in scena Le sedie, liberamente ispirato all’omonimo testo di Eugène Ionesco, adattamento e regia di Antonio Iavazzo e Gianni Arciprete, con Gianni Arciprete e Licia Iovine. Lo spettacolo, prodotto dall’associazione “Il Colibrì” di Sant’Arpino, porta in scena, a poco più di 70 anni dal suo debutto, uno dei capolavori del Novecento firmato dal drammaturgo e saggista rumeno naturalizzato francese. I due protagonisti, una coppia di anziani sposi – qui rivisti in chiave “garbatamente partenopea”, preparano freneticamente le sedie per una serie di ospiti invisibili che, più tardi, ascolteranno un attesissimo oratore che rivelerà, probabilmente, un messaggio sul senso della vita. Gli ospiti invitati sembrano essere, idealmente, tutte le persone del mondo: la loro invisibilità suggerisce uno scenario post-apocalittico, in cui gli ospiti intrattengono dialoghi e ricordano cripticamente delle loro vite. “Un’immersione tra folli autenticamente umani”, la definisce il regista Antonio Iavazzo.
L’opera di Ionesco, definita dallo stesso autore una farsa tragica, si muove attorno a un caos sul quale regna una volontà di paradiso e un assordante desiderio di un sorriso che possa in qualche modo giustificare e appagare il senso di vuoto e di straniamento. D’altra parte come definire la vita e le relazioni tra gli uomini se non come esperienza di profondo smarrimento e metafisico sberleffo? I due protagonisti, nel loro struggente isolamento, come due clown gettati nel mondo fenomenico, si muovono sospesi e indaffarati. Tra attese e arrivi immaginari, dolci ricordi, e palesi menzogne, evocazioni, assurdi e paradossi, preparano un fantomatico messaggio all’umanità da affidare a un oratore che non arriverà mai. Anche e forse soprattutto nel lungo addio della coppia che si congeda dal mondo affidandosi, senza alcuna disperazione o paura, al mare e ai suoi segreti.
DAL 5 AL 7 APRILE 2024
Le sedie
Liberamente ispirato all’omonimo testo di Eugène Ionesco
Adattamento e Regia Antonio Iavazzo – Gianni Arciprete
Con Gianni Arciprete e Licia Iovine
Assistente audio – luci Giovanni Guarino
produzione Il colibrì
Date e orari
venerdì: ore 21.00
sabato: ore 20.00
domenica: ore 18.00

About author

You might also like

Primo piano

Cultura Crea a Caserta, workshop a Sant’Agostino

Martedì 4 ottobre alle ore 15. 30 presso la sala conferenze del Centro Culturale del Comune di Caserta, sito nel chiostro di Sant’Agostino, in via Mazzini 16, si terrà un workshop

Primo piano

Giornate Fai d’Autunno, doppio weekend nell’Alto Casertano

Maria Beatrice Crisci -La Giornate FAI d’Autunno ritornano. E raddoppiano. Quest’anno diventano eccezionalmente due i fine settimana che i giovani del FAI e le delegazioni dedicano al patrimonio culturale italiano:

Cultura

Candelora, o il culto della luce. A Montevergine in processione

Luigi Fusco – Quanno arriva ‘a Cannelora d’a vernata simmo fora, ma si chiove o mèna viento, quaranta juorne ‘e male tiempo, è l’antico proverbio che si recita il 2