Le sete di San Leucio, in passerella con le miss ungheresi

Le sete di San Leucio, in passerella con le miss ungheresi

Redazione

-Preziosi abiti storici realizzati con la pregiata seta di San Leucio, conosciuta in tutto il mondo, fanno tappa a Budapest. Una bella occasione per raccontare la storia e il patrimonio culturale del territorio casertano. Questo grazie alla Silk&Beyond San Leucio Seta, l’azienda è oggi l’indiscussa erede della «Real Colonia dei Setaioli». Così fu definito il complesso industriale «Ferdinandopoli» a San Leucio nel 1789 «Silk&Beyond» ha sviluppato negli ultimi anni una significativa attività di marketing e promozione commerciale acquisendo, oltre a prestigiose commesse in Italia, altrettanto prestigiosi ordini dall’estero. Ed è qui che si inserisce l’evento in Ungheria. In particolare, il ballo in costume nelle sale del lussuoso Marriott Hotel di Budapest. La manifestazione è stata organizzata dall’imprenditore sardo Bernardino Pusceddu, presidente della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria, e ha visto la presenza dell’ambasciatore italiano Manuel Jacoangeli. Gli abiti sono stati indossati dalle finaliste per Miss Ungheria, che hanno sfilato davanti a un pubblico delle grandi occasioni.

A parlare dell’evento è l’imprenditrice Maria Assunta Giaquinto di Silk&Beyond San Leucio Seta: «Il pregio dei tessuti e la perizia della fattura degli abiti hanno riscosso un grande successo. La seta di San Leucio con le passamanerie e il pizzo ha illuminato la serata in cui abbiamo raccontato la storia di una comunità e quella del nostro territorio. E ne siamo felici e onorati. Ogni abito è stato realizzato scegliendo tessuti rappresentativi della tradizione classica e dell’iconografia storica. Solo due erano stati realizzati con tessuti di ispirazione contemporanea, affinché, facendo sfilare tutti gli abiti insieme, si potesse apprezzare il percorso produttivo della Silk & Beyond San Leucio Seta, dal passato al contemporaneo. Un particolare ringraziamento va alla sartoria Palcoscenico Articoli Danza, con sede a Cercola, che ha collaborato con noi per la sfilata». Gli abiti leuciani hanno incantato Budapest per la capacità della seta di dare morbidezza al disegno e di arricchirsi con applicazioni e decori. Lo stile leuciano, vero brand italiano, ha portato con i suoi rituali colori e con i suoi intriganti volumi un’esplosione di brio e di vita. «Silk&Beyond» fornisce i suoi preziosi tessuti in seta a «Palazzo Pallavicini», alla «Sala Ovale» della Casa Bianca, al Quirinale, in particolare la Residenza del Presidente della Repubblica Italiana. E ancora, al Vaticano. Le antiche tradizioni di San Leucio coniugate oggi con le moderne tecniche di produzione garantiscono la capacità di rispondere alla domanda del mercato internazionale nel pieno rispetto delle odierne, necessarie certificazioni di qualità e conformità. «Questo – aggiunge Maria Assunta Giaquinto – consente di soddisfare una variegata clientela a prezzi competitivi assecondando anche le nuove tendenze artistiche e le nuove mode con prodotti di altissima qualità al passo coi tempi. Alberghi, case private in Italia e all’estero hanno oggi uno spazio molto significativa nel portafoglio clienti di Silk&Beyond».

About author

You might also like

Cultura

Un buon libro in enoteca, Gianni Scudieri racconta divi e miti

Claudio Sacco – L’Enoteca Provinciale di Caserta in via Battisti 50 ospiterà martedì 26 ottobre la presentazione del libro di Gianni Scudieri “Come un’alba infranta”, Il Quaderno Edizioni. Con l’autore intervengono Enzo Battarra 

Attualità

Botti? No, grazie! Il Capodanno per gli amici a quattro zampe

Simone Lino* -Come ogni anno, arrivati alla fine del mese di dicembre, molti proprietari di cani cominciano ad andare in ansia e a cercare rimedi di ogni tipo. Di cosa

Primo piano

Siti Borbonici e seterie di San Leucio: presentato il marchio di tutela della produzione

“Questa mattina ho incontrato gli organi di informazione per illustrare le iniziative che riguardano i siti borbonici e in particolare le storiche seterie di San Leucio”. Così il governatore della