Marco Mantovanelli, un pianista in bianco e nero a corte

Marco Mantovanelli, un pianista in bianco e nero a corte

(Redazione) – Pianoforte a coda, un uomo solo curvo sulla tastiera. Tutt’intorno i marmi del vestibolo superiore della Reggia di Caserta, con i variegati colori accuratamente scelti da Luigi Vanvitelli.  Il pianista racconta la sua vita, una vita in bianco e nero, come i tasti del pianoforte. Lui è Marco Mantovanelli, classe ’81, musicista e compositore casertano. La data è quella di venerdì 16 settembre, ore 20,30.

“La mia vita in bianco & nero” è il suo primo album: 8 tracce di freestyle piano, scritte e registrate di getto, contraddistinte dall’interpretazione e intrise dall’emozione del momento. Il progetto nasce dall’incontro di due volontà, quella dell’artista e del suo produttore esecutivo e artistico, Marco Mantovanelli Magliocca. Omonimi e cugini, hanno dato vita a un album fuori dai canoni della discografia pianistica moderna, seguendo solo il loro istinto e la loro voglia di far arte. Liberandosi da schemi mentali, strutture e tecnica, senza mai tralasciare dettagli e qualità. Il piano utilizzato da Marco è stato accordato a 432hz, scelta personale, fortemente voluta e ricercata: la differenza tra 440 Hz e 432 Hz é di sole 8 vibrazioni al secondo ma, nell’esperienza della coscienza umana, è una notevole differenza. L’intero universo vibra a 432 hz. Se si ascolta musica con un’accordatura a 432hz, automaticamente, si entra in armonia con tutto.

Il biglietto d’ingresso al concerto include la visita agli appartamenti della Reggia, cui si potrà accedere dalle ore 19. Sarà un concerto di piano senza precedenti, una serata pregna di emozioni intense: le arti visive, la poesia e la danza accompagneranno per mano la musica di Marco, regalando la possibilità di perdersi nei meandri di un’esistenza vissuta su quei tasti bianchi e neri. Le special guest che interverranno per raccontare “La mia vita in bianco & nero” sono Elena Starace e Giovanni Allocca.

La  stessa giornata del 16 settembre segnerà la pubblicazione dell’album “La mia vita in bianco & nero” su tutti i digital store e in copia fisica su amazon.it per So Far Awayl’etichetta indipendente del produttore dell’album Marco Mantovanelli Magliocca, che appare anche in qualità di sound engineer.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9554 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Stile

A Michele Del Prete il premio Palinuro per la moda

(Beatrice Crisci) – E’ ambitissimo e prestigioso il “Premio internazionale Palinuro di cultura, arte e spettacolo”. Sabato 24 si è svolta la cerimonia di consegna dei riconoscimenti a personaggi segnalatisi nelle sedici

Canale TV

L’Arma Azzurra nel cuore dei casertani, col. Roberto Impegno

Maria Beatrice Crisci -L’Arma Azzurra nel cuore dei casertani. Parla il comandante della Scuola Specialisti dell’AM il col. Roberto Impegno. Il video

Primo piano

Brachilogia, convegno alla Parthenope sul discorso breve

(Mario Caldara) – Ad alcuni potrà esser capitato di aver avuto una conversazione con qualcuno che impiegava giri immensi per esprimere un concetto, utilizzando più parole del necessario. Questo è