Napoli. Teatro Elicantropo, va in scena l’attore Aldo Rapè

Napoli. Teatro Elicantropo, va in scena l’attore Aldo Rapè

Claudio Sacco

– Al Teatro Elicantropo di Napoli va in scena l’attore e regista siciliano Aldo Rapè. L’appuntamento è per giovedì 6 dicembre alle ore 21 (repliche fino a domenica 9) il suo nuovo spettacolo Pinuccio – Storia di un carusu racconto di un’imperdibile amore, accompagnato da musiche originali dal vivo. Presentato da Prima Quinta Teatro, l’allestimento vede impegnati Rapè, narratore in scena di una storia commovente, e il musicista nisseno Zafarà avvolti dalle atmosfere intime e rarefatte di un monologo struggente e intenso, per un nuovo momento di memoria e riscoperta del territorio siciliano.

La storia è quella di uno dei tanti, troppi, bambini che in passato hanno lavorato nelle miniere di mezza Sicilia, in particolare quella di Gessolungo, distante tre chilometri dalla città di Caltanissetta, capitale mondiale dello zolfo. Nel 1881 e nel 1958 due immani tragedie colpirono, infatti, la miniera di Gessolungo, dove morirono numerosi minatori tra cui molti bambini, chiamati “carusi”.

Ma come si viveva, realmente, in miniera a quei tempi? È il quesito da cui parte Rapè per riportare alla luce una realtà poco conosciuta. Nelle sue intenzioni c’è l’intento di fare riscoprire al pubblico il mondo delle miniere.

“Un racconto didattico, ricco d’immagini e suoni – sottolinea il regista – che svelerà le tecniche di estrazione e trasporto dello zolfo, le condizioni di vita dei minatori, l’impiego dei carusi, ma, anche la miniera come risorsa economica per molte botteghe e i rari momenti di svago dei lavoratori come le passeggiate in piazza o le bevute in osteria”.

Il racconto è anche la storia del riscatto e, forse, la condanna della più grande isola del Mediterraneo, in cui tre sono i chilometri percorsi ogni giorno da Peppino per smettere di essere un bambino. A dieci anni il piccolo ha, infatti, solo tre chilometri per diventare grande e non essere “cchiu un picciriddu” e diventare invece “un carursu”, uno dei tanti “carusi” di miniera.

Pinuccio è un racconto sull’infanzia e su una storia d’amore tra un bimbo e il proprio padre, il mondo delle miniere attraverso lo sguardo e gli occhi di un uomo rimasto bambino. Ma è anche il modo per commemorare i numerosi minori, morti troppo piccoli in un periodo della storia mineraria siciliana, purtroppo ancora attuale in molti paesi del sud del mondo.

Lo spettacolo, insignito come Miglior Monologo al Premio Internazionale Tragos per il Teatro e la Drammaturgia al Piccolo Teatro di Milano nel Febbraio 2017, è stato anche selezionato per il Festival Internazionale di Avignon 2019, dove lo stesso attore reciterà in francese.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6239 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Il colore viola, la Reggia in lotta contro il tumore del pancreas

Pietro Battarra – La Reggia di Caserta si presenterà in viola giovedì 15 novembre in occasione della “Giornata Mondiale contro il tumore al pancreas”. Il colore viola sarà determinato dall’impianto di illuminazione

Cultura

Oltre la corporeità: il “gender” viaggio alla scoperta del Sé

(Michele Bevilacqua) – Termine preso in prestito dalla grammatica, il “genere” (dall’inglese gender), nel campo delle scienze umane, fa riferimento alle differenze sociali e culturali tre le donne e gli

Primo piano

Oltre le catene. Domenico Mecca alla Feltrinelli di Caserta

Pietro Battarra – Parte da Caserta il tour per la presentazione del romanzo “Oltre le catene” di Domenico Mecca. L’appuntamento è per domani venerdì 16 febbraio, alle ore 18, presso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply