Osservatorio per le povertà Mario Diana. Aperta la sede a Casagiove

Osservatorio per le povertà Mario Diana. Aperta la sede a Casagiove

Il vostro impegno ha un significato importante che rispecchia in pieno la missione di Gesù: guardare nell’altro il volto stesso del Padre. Non è un compito facile ma un’opera che solo il cuore porta a compimento. La Caritas le chiama opere-segno perché inducono al cambiamento e lasciano tracce indelebili di una Chiesa viva e solidale con gli ultimi”. Questo il monito di monsignor Salvatore Visco, vescovo dell’Arcidiocesi di Capua, all’apertura a Casagiove dell’Osservatorio per le povertà Mario Diana” e della Locanda di Madre Teresa.

Due strutture completamente nuove che cercheranno di porre un freno all’aumento dei casi di povertà per donare una nuova speranza a chi si sente solo; un centro di studio e un luogo di accoglienza che il parroco della chiesa di San Michele Arcangelo, don Stefano Giaquinto, ha potuto realizzare dopo anni di tentativi grazie al sostegno della Fondazione Mario Diana Onlus.

Sabato sera, prima di benedire le due strutture, monsignor Visco ha voluto ringraziare ufficialmente Antonio Diana e Valentino Grant – rispettivamente presidente della Fondazione Mario Diana e presidente della BCC di Casagiove – per la grande rete di carità che hanno costruito a sostegno del progetto. “E’ questa la missione della chiesa italiana: lasciare un segno particolare di attenzione e vicinanza ai poveri, agli indigenti, a chi vive in difficoltà non solo per mancanze materiali ma soprattutto per carenze di affetto – ha sottolineato il vescovo -. Vi ringrazio a nome dell’intera comunità perché stasera ci ricordate che se in una parrocchia non vive la solidarietà – che è la sua dimensione fondamentale – allora manca la parte migliore; è come un tavolo che non regge perché manca il piede che sostiene tutta la struttura”.

schermata-2016-10-04-alle-17-20-22

In tantissimi hanno preso parte all’inaugurazione e si sono stretti attorno a don Stefano, commossi, anche curiosi ma soprattutto impazienti di veder finalmente realizzato il loro grande sogno.

L’“Osservatorio delle povertà Mario Diana” consentirà al parroco e ai volontari che lo aiuteranno di monitorare le cause e le condizioni attuali della povertà, per avviare uno studio che ne consenta di analizzare numeri, effetti, cause e soprattutto vie d’uscita. La Locanda di Madre Teresa spalancherà le sue porte ai bisognosi per offrirgli visite e cure mediche, indumenti, bagni con docce, beni di prima necessità e pasti.

Ancora non riesco a crederci – ha ammesso don Stefano -. Questa sera esaudiamo il desiderio di Papa Francesco facendo fiorire un’opera strutturale di misericordia in parrocchia. Abbiamo scelto di compiere un gesto concreto per andare incontro a chi ha bisogno: non sono i poveri a dover venire da noi, siamo noi a doverli cercare per poterli aiutare”.

E’ sempre un’emozione forte poter aiutare chi vive in difficoltà ma questa sera io e la mia famiglia viviamo una gioia particolare – ha spiegato Antonio Diana -. Non abbiamo mai cercato una targa per mio padre Mario ma vedere intitolata a suo nome una struttura che ha lo scopo di riportare in vita chi sente di aver perso tutto ci rende felicissimi. La mancanza di tempo per i tanti impegni lavorativi non mi ha mai permesso di recarmi personalmente in strada, nelle stazioni, per poter aiutare chi non ha una casa. Ho sempre cercato di vivere questa missione al servizio dei poveri offrendo un lavoro onesto e una possibilità di riscatto. Ma da stasera, grazie a don Stefano, proveremo a chiudere il cerchio mettendo in campo una solidarietà a 360 gradi: da un lato continueremo a offrire occupazione e dignità, dall’altro doneremo un sostegno materiale nel quotidiano”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Vincenzo De Luca e Mauro Felicori, nasce il patto dell’Aperia

Enzo Battarra – Aperia della Reggia di Caserta, un luogo incantevole, reso ancor più fascinoso dai figuranti in abiti d’epoca. È stata la serra per il ricovero delle piante del giardino

Primo piano

Contamination Lab, alla Parthenope con il presidente Fico

Pietro Battarra – E’ in programma per il prossimo lunedì 15 aprile alle 9,30 a Palazzo Packanowski, sede dell’Università di Napoli Parthenope, la cerimonia di chiusura della prima edizione del

Attualità

Santa Maria la Fossa, un nuovo progetto su un bene confiscato

Pietro Battarra – Nasce a Santa Maria la Fossa la fattoria sociale Meta. Il Ministero dell’Interno, nell’ambito del Pon Legalità Fesr/Fse 2014-2020, infatti, ha finanziato il progetto di ri-funzionalizzazione dell’ex

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply