Parkour. Una parola al mese. Rubrica a cura della Parthenope

Parkour. Una parola al mese. Rubrica a cura della Parthenope

(Francesca Brancaccio) – Grattacieli che si ergono imponenti, panchine, palazzi, muretti, ringhiere, cancelli, pareti: per i traceurs, gli atleti che praticano il parkour, rappresentano una sfida continua, il desiderio costante di superare ogni tipo di limite umano. Si muovono da un punto all’altro della giungla cittadina con destrezza e agilità, usando tutte le capacità del corpo umano. È in questa scioltezza, in questa elasticità dei movimenti, che vanno ricercate le origini del termine parkour.

La parola nasce a partire dalla parola francese parcours con un chiaro riferimento ai parcours du combattant, o percorsi di addestramento, proposti da Georges Hébert: da ufficiale della Marina ebbe modo di viaggiare per tutto il mondo, rimanendo molto impressionato dallo sviluppo fisico e dall’abilità di muoversi degli indigeni d’Africa. Sintetizzò la sua idea di allenamento naturale in quello che è passato alla storia come motto dell’hébertismo: “essere forti per essere utili”.

La paternità del parkour è attribuita a David Belle: egli, attorno agli anni ‘80, pose, nella piccola cittadina di Lisses a sud di Parigi, le fondamenta alla pratica ludico-sportiva che oggi conosciamo. Era figlio di un pompiere, il quale era stato addestrato proprio con il metodo hébertiano e aveva instillato nel figlio i semi di quella che sarebbe diventata la filosofia del parkour.

Fu un amico di David Belle, l’attore Hubert Koundé, che nel 1998 consegnò alla storia il termine parkour così come oggi lo troviamo all’interno dei nostri dizionari: nel termine di partenza parcours pensò bene di sostituire la “c” con la “k” perché suggerisse maggiore aggressività e di eliminare la “s” muta in finale di parola perché sembrava contrastare con l’idea di efficienza che doveva suggerire il parkour.

Se in un primo momento fu il passaparola a portare questa disciplina fuori dal sobborgo parigino, ancora una volta dobbiamo ringraziare i media se possiamo fantasticare su quanto noi stessi saremmo in grado di sfidare le nostre potenzialità da seduti sul divano, mangiando popcorn e passando da un video all’altro su Youtube.

Un articolo reperibile nell’Enciclopedia Treccani traccia il percorso che la parola compie in Europa: nel 2002 arriva in Gran Bretagna; nel 2003 è già presente nell’italiano scritto della rete. Ancora oggi Treccani annovera il termine tra i neologismi. È il Dizionario Garzanti a fornirne la definizione di “sport metropolitano che consiste nell’affrontare un percorso a piedi superando tutti gli ostacoli nel mondo più efficiente e fluido possibile”. Nessun riferimento, dunque, alle basi ideologiche che avevano portato a definire in un primo momento il parkour come “arte dello spostamento”: non un mero sport, ma un’arte che si costruisce con esercizio, fatica, ascolto del proprio corpo, aumento della fiducia nelle proprie potenzialità.

*Francesca Brancaccio – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8452 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

12 maggio, happy mother day. La mamma della domenica

Claudio Sacco  – Nella seconda domenica di maggio cade la Festa della mamma. Quest’anno è il giorno 12. Oggi sarà un «happy mother day» bagnato, ma che fa. A tutti fa

Cultura 0 Comments

Giornata Nazionale Dimore Storiche, aperture nel casertano

Luigi Fusco -Apertura straordinaria delle Dimore e dei Parchi Storici Italiani prevista per domenica 22 maggio.  In occasione della XII edizione della , curiosi ed appassionati avranno la possibilità di

Primo piano 0 Comments

Grazie a Dio è venerdì. C’è jazz al Mantovanellive Caserta

(Enzo Battarra) – Giovedì gnocchi, venerdì pesce. E invece no. Le abitudini cambiano. Ormai il week-end, anche quello casertano, un tempo soporifero, si arricchisce di una movida alla ricerca della

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply