Pompei, torna la vendemmia autunnale nel Parco archeologico

Pompei, torna la vendemmia autunnale nel Parco archeologico

Luigi Fusco

-È stata inaugurata, alla presenza del direttore Gabriel Zuchtriegel, la vendemmia autunnale al Parco Archeologico di Pompei attraverso il consueto appuntamento con il tradizionale taglio delle uve, coltivate nei vigneti delle antiche case, dalle quali viene prodotto il pregiato vino “Villa dei Misteri”. All’evento I visitatori accorsi dall’ingresso di Piazza Anfiteatro hanno avuto il privilegio di scoprire i vigneti del Foro Boario, al cui interno si conserva la cella vinaria, della domus della Nave Europa e della casa del Triclinio all’aperto. In particolare, in quest’ultima residenza è stata allestita la mostra “Metropoli Latina” dell’architetto Andrea Branzi che sarà visibile fino al 30 novembre prossimo.

La coltivazione delle uve e la produzione del vino rientrano in un progetto scientifico dedicato agli impianti e alle antiche tecniche di viticoltura pompeiana. Il piano di ricerca è stato inaugurato negli anni Novanta nell’ambito degli studi di botanica applicata all’archeologia condotti dal Laboratorio di Ricerche Applicate del Parco Archeologico di Pompei. Successivamente, all’iniziativa ha aderito l’Azienda Vinicola Mastroberardino di Avellino. L’idea iniziale, fortemente sostenuta dal Cavaliere del Lavoro Antonio Mastroberardino, venne a caratterizzarsi sin da subito tramite lo svolgimento di un attento programma di investigazione sui metodi e sulle tecniche di viticoltura e vinificazione che venivano praticati nell’antica Pompei.

Il vino era una bevanda molto importante per le popolazioni vesuviane. Le scoperte archeologiche, gli studi botanici e il rilevamento dei calchi delle radici delle viti e degli annessi paletti di sostegno, fermati nel tempo dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., hanno attestato la presenza, sin dalle epoche più remote, della coltura di vigneti anche all’interno del perimetro murario della città, nei giardini e negli orti che abbellivano le case, e nelle abitazioni poste nelle aree periferiche più prossime all’Anfiteatro. “Villa dei Misteri”, vino prodotto dalle uve dei vigneti del sito pompeiano dove venivano già coltivate più di 2000 anni fa, prende il nome da una delle domus più rappresentative del sito archeologico conosciuta soprattutto per i suoi straordinari affreschi con tema iniziatico dedicato a Dionisio dio del vino.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9736 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Banda Rulli Frulli, musica e inclusione. La Buona Notizia dell’Anno

(Comunicato stampa) -La «Buona Notizia dell’anno» appena trascorso: il 2023, è una banda d’inclusione, che dona a tutti l’opportunità di sentirsi accolti e valorizzati. Una banda dove ognuno può partecipare

Cultura

Ceramica d’impasto. Un volume racconta i patrimoni taciuti

Claudio Sacco – “La ceramica d’impasto di età orientalizzante tra la piana capuana e la Valle dell’Isclero. Una proposta tipologica”. Questo il titolo del libro che sarà presentato sabato 26

Primo piano

Beatrice di Borbone, il Premio Letizia Isaia a Saverio Ferrara

Maria Beatrice Crisci -«Sono onorato di ricevere questo prestigioso riconoscimento perché oggi tra poeti, letterati, giornalisti ho avuto ancor di più la conferma che la letteratura apre mille porte e