Partono anche dal Casertano i fujenti della Madonna dell’Arco

Partono anche dal Casertano i fujenti della Madonna dell’Arco

(Augusto Ferraiuolo) Come spesso accade nella tradizione, festività laiche si sovrappongono o si succedono alle festività religiose. Il caso più evidente è il lunedì in Albis, dove è costume in tutto il paese trascorrerlo “fuori porta” con scampagnate e picnic. Questo giorno è considerato festivo solo dall’immediato dopoguerra, è altrettanto vero che la tradizione quindi rientra nella particolare categoria di “invenzione del folklore”, come direbbe Eric Hobsbawm.

Una storia più lunga è invece quella del pellegrinaggio verso la Madonna dell’Arco, in Sant’Anastasia, che vede coinvolti fedeli provenienti da tutta la regione. Il pellegrinaggio è parte integrante dei festeggiamenti per ricordare il miracolo del 1450. Durante una partita a pallamaglio (antesignano dell’hockey), un uomo scagliò la palla contro il quadro della Madonna, che miracolosamente cominciò a sanguinare.

In provincia di Caserta questa festa è molto sentita: molti fedeli si recano a piedi, nella tradizionale divisa bianca, con fasce blue rosse, al santuario. Sono i cosiddetti fujenti. In particolare provengono dalla zona di Grazzanise, di Macerata Campania, Marcianise e dintorni, ma tutta la provincia è coinvolta. Frequenti sono anche i pellegrinaggi sul particolare carro chiamato sciaraballo, ornato di palme. Non è facile vedere oggi come oggi una particolare forma di ex voto costituita da un enorme quadro, portato a spalla dai fedeli, chiamato localmente “tosello”. È interessante notare che a questa festa sono collegate le prime tammurriate dell’anno, che si ballano sui carri o sul sagrato della chiesa. La tammurriata è un istituto folklorico di straordinario interesse proprio perché rappresenta un esempio di religiosità popolare: non va vista infatti come performance secolare ma anche, e soprattutto, come preghiera.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8447 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Microchip day. A Casagiove in piazza Mercato con Nati Liberi

Claudio Sacco  – Il Comune di Casagiove e la Asl di Caserta, in collaborazione con i volontari dell’associazione Nati Liberi, promuovono una giornata di microchippatura itinerante. Domani domenica 30 giugno dalle

Cultura 0 Comments

Gallerista e chansonnier, il tributo della Reggia a Lucio Amelio

Luigi Fusco -C’è attesa per la serata di lunedì 26 luglio per lo spettacolo dedicato al compianto gallerista napoletano Lucio Amelio organizzato nell’ambito della VI edizione della rassegna “Un’Estate da

Spettacolo 0 Comments

Caserta, Leo Gullotta trasforma il Salotto a teatro in uno show

Claudio Sacco  (ph Pino Attanasio) – Affollatissimo il primo appuntamento de “Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della scena e il pubblico. Ospite dell’incontro, curato dalla giornalista Maria Beatrice

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply