Passione casatiello, da Sant’Arpino un webinar di grande gusto

Passione casatiello, da Sant’Arpino un webinar di grande gusto

– “Il Casatiello di Sant’Arpino, tra storia, folklore e curiosità“. È questo il tema del webinar che si terrà mercoledì 31 marzo, a partire dalle ore 19:00, in diretta streaming sulla pagina Facebook della Pro Loco di Sant’Arpino.


All’iniziativa, coordinata dal giornalista Elpidio Iorio con il supporto tecnico di Pasquale Marroccella, dopo i saluti del presidente della Pro Loco Aldo Pezzella, e le testimonianze di alcuni rappresentanti del sodalizio santarpinese – tra cui Domenico Limone e Cristina Aprea – interverrà  Luciano Pignataro, giornalista, scrittore, tra i più prestigiosi gastronomi italiani, Ambasciatore della  Dieta Mediterranea nel Mondo.
Sant’Arpino e il Casatiello: un connubio che prosegue imperterrito nel tempo, annualmente rinverdito dalla sagra “affinchè nelle generazioni future resti il filo della memoria e il significato storico della tradizione”.
Con la sagra, infatti, a Sant’Arpino si rinnova un rituale le cui origini si perdono nella notte dei tempi: il casatiello accompagnava le feste pagane celebranti il ritorno della Primavera. I suoi caratteristici ingredienti- uova, grano e formaggio – simboleggiano il risveglio della natura. Con il diffondersi della cristianità i riti si accavallarono, quel pane sacrificale divenne tradizionale della Pasqua che aveva sostituito le feste primaverili in onore di Demetra. Nella cittadina atellana, il martedì in Albis, frotte colorate di comitive giungevano per consumare il rustico, trasportato in cesti, canestri e “nappatelle”. Inizialmente la festa si svolgeva presso il convento di San Francesco di Paola, poi si spostò all’ombra dell’antichissimo Romitorio di S. Canione.
Proprio qui, gruppi di contadini e massaie (che per un giorno abbandonavano il faticoso lavoro nei campi), su tappeti di fiori primaverili, degustavano il casatiello tra balli, canti e ritmi tipici della musica popolare.
Con l’intento di preservare questo patrimonio identitario, la Pro Loco di Sant’Arpino circa trent’anni fa ha ideato la Sagra del Casatiello che richiama migliaia di turisti del gusto, ma anche di numerosi studiosi ed appassionati di “storia del costume e delle tradizioni”.  
Una tradizione che travalica l’aspetto culinario per diventare storia popolare, uno spaccato di valori e profumi di altri tempi.
A Sant’Arpino, di generazione in generazione si tramanda l’antichissima ricetta che oggi caratterizza quello che di fatto è un marchio DOP: il Casatiello di Sant’Arpino. I panificatori si sono particolarmente specializzati, tanto che alcuni di essi oggi sono tra i più rinomati produttori in Campania e in Italia dello speciale rustico di cui peraltro presentano diverse e squisite varianti: il casatiello con la mozzarella di bufala, quello ai funghi porcini, quello con le verdure, solo per citarne alcuni. Il casatiello per Sant’Arpino è, dunque, uno scrigno che contiene valori identitari da preservare, un’alchimia tra storia, cultura, folklore, gastronomia, economia, turismo e tanto altro.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Nuovo cda della Reggia, Franceschini nomina Cerchia e Solima

Rinnovato il nuovo consiglio di amministrazione della Reggia di Caserta. L’Istituto museale dà il benvenuto ai nuovi componenti del cda. Il Ministro Dario Franceschini ha decretato la composizione dell’organo collegiale:

Primo piano 0 Comments

Ospedale Caserta. Premio Anna Maria De Sipio all’Oncologia

Claudio Sacco  – Un altro prestigioso premio si va ad aggiungere ai riconoscimenti attribuiti all’AORN di Caserta, Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale “Sant’Anna e San Sebastiano”. L’Unità operativa complessa di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply