Premio Scuola Digitale, l’Itis Giordani si conferma istituto polo

Premio Scuola Digitale, l’Itis Giordani si conferma istituto polo

Maria Beatrice Crisci

– Per il terzo anno consecutivo l’Itis Giordani di Caserta guidato dalla preside Antonella Serpico si conferma scuola polo del Premio scuola digitale, sia per la fase provinciale che regionale. La nuova edizione è in fase di preparazione e avrà molte novità. Va detto che il premio scuola digitale è una iniziativa del Piano nazionale scuola digitale, che in questi anni ha promosso e valorizzato le migliori pratiche di innovazione delle scuole. La scadenza per la presentazione delle candidature, unica a livello nazionale, è fissata per il 25 febbraio prossimo. Il Giordani di Caserta è dunque scuola referente per la Regione Campania e scuola referente per la Provincia di Caserta.

«Il Premio Scuola Digitale – spiega la preside Serpico – è una iniziativa del Ministero dell’Istruzione, che intende promuovere l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell’apprendimento e nell’insegnamento, incentivando l’utilizzo delle tecnologie digitali nel curricolo, secondo quanto previsto dal Piano nazionale per la scuola digitale, e favorendo l’interscambio delle esperienze nel settore della didattica innovativa».

Va detto che le prime due edizioni del Premio hanno visto la partecipazione di oltre 3.000 scuole del primo e del secondo ciclo, che hanno candidato progetti innovativi, caratterizzati sia da un alto contenuto di conoscenza, tecnica o tecnologica, anche di tipo imprenditoriale, sia da una forte innovazione didattico/metodologica. In particolare, la seconda edizione si è svolta durante il periodo di emergenza sanitaria in modalità essenzialmente online, tramite la partecipazione alle dirette streaming di migliaia di studentesse e studenti e scuole collegate dalle diverse aree del Paese. Questa terza edizione del Premio Scuola Digitale si svolge nell’anno scolastico 2020-2021 e contiene diverse novità dettate anche in ragione dei nuovi scenari della didattica digitale integrata. La preside Serpico aggiunge: «Innanzitutto, la conferma delle sezioni dedicate al primo e al secondo ciclo e l’inserimento di una sezione speciale unica nazionale dedicata all’educazione digitale degli adulti. La valorizzazione dei progetti di didattica digitale integrata innovativi sperimentati dalle istituzioni scolastiche negli ultimi due anni scolastici, anche in considerazione dell’emergenza sanitaria. Quindi, l’adozione di un unico avviso nazionale e la presentazione delle candidature tramite la piattaforma nazionale dedicata al Piano nazionale scuola digitale, come descritto nelle istruzioni operative allegate. Sia per la fase provinciale che regionale sarà organizzata una diretta streaming di premiazione dei progetti presentati dalle scuole arrivate in finale».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6904 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

De re coquinaria di Apicio, ricette e golosità nell’antica Capua

Luigi Fusco – Campani, così, nel I secolo a.C., Cicerone chiamò gli abitanti dell’antica Capua; lo stesso filosofo definì poi la città Altera Roma, per la vita lussuosa che vi

Primo piano

Dalla Cina, un esercito di terracotta “conquista” Napoli

Mario Caldara – Certe storie sono così lunghe che tentare solo di immaginare la loro origine fa venire le vertigini, manco ci si trovasse sulla cima di un grattacielo. La

Primo piano

Antimafia, a Rachele di Sant’Arpino il premio di scrittura

Rachele Cinquegrana, alunna dell’Istituto Comprensivo “Rocco – Cav. Cinquegrana” di Sant’Arpino, guidato dal dirigente scolastico Maria Debora Belardo, si è classificata al primo posto – sezione scuole medie – al concorso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply