Reggia di Caserta. Finissage per Saligia di Andrea Chisesi

Reggia di Caserta. Finissage per Saligia di Andrea Chisesi

Maria Beatrice Crisci (ph Pino Attanasio)
locandina Chisesi
 – E’ in programma per lunedì 19 agosto alle ore 10 al Teatro di Corte della Reggia di Caserta il finissage della mostra Saligia di Andrea Chisesi. Durante l’incontro, alla presenza del Direttore Generale Tiziana Maffei, l’artista donerà una sua opera alla Reggia. Successivamente ci sarà un’ulteriore occasione per poter incontrare Andrea Chisesi e visitare con lui la mostra.
Il finissage si concluderà con un brindisi nel Foyer del Teatro di Corte della Reggia. La mostra Saligia è stata inaugurata il 4 luglio scorso.  L’opening è stato preceduto nello splendido scenario del Teatro di Corte, dalla performance teatrale dell’attore Emanuele Vezzoli che ha interpretato alcuni brani del romanzo «Appena ieri eravamo felici» di Renato Gabriele.L’esposizione è a cura di Marcella Damigella. Testimonial d’eccezione è stato Rocco Barocco. Tra gli ospiti del vernissage il drammaturgo, attore e regista teatrale Mimmo Borrelli. In visita alla mostra nella sera del vernissage anche il prefetto di Caserta Raffaele Ruberto. Sono 68 le opere in esposizione, di queste 40 inedite, molte delle quali site specific. chisesi mostraLa mostra si accompagna a un documentato catalogo a cura di Marcella Damigella. La curatrice Marcella Damigella spiega: «L’antico acrostico “SALIGIA” enumera le lettere iniziali dei sette “Vizi capitali”, chiamati impropriamente anche “Peccati capitali”. Essi sono la superbia, l’accidia, la lussuria, l’ira, la gola, l’invidia, l’avarizia, elencati non necessariamente in ordine di gravità. Le sette caratteristiche della nefandezza umana sono però funzionali a suscitare alcune domande: possono essere ancora additate come azioni ritenute indizi atti a valutare lo stato di benessere o malessere di una società e dell’attuale perdizione dell’uomo? Secondo il pensiero cristiano questi sono i sette vizi “capitali” quelli cioè che conducono l’uomo alla perdizione».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8256 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Caserta, Tiziana Petrillo punta alla valorizzazione dell’archivio

Claudio Sacco – La città di Caserta parteciperà alla manifestazione di interesse per il “Progetto di digitalizzazione, fruizione e conservazione del patrimonio culturale di archivi e biblioteche della Regione Campania”.

Primo piano 0 Comments

Prosit1990. Il piatto del giorno

Linguina al riccio di mare con brodetto di verde di zucchine. Ecco il piatto che lo chef Peppe Russo di Prosit1990 propone oggi agli amici di #ondawebtv. Il locale nel

Editoriale 0 Comments

San Francesco di Sales, in Cattedrale a Caserta il “Press Day”

Maria Beatrice Crisci – San Francesco di Sales è stato un santo dottore della Chiesa ma è stato anche un gran comunicatore, capace di ingegnarsi in tutti i modi pur

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply