Reset da Covid-19, Caserta si sveglierà senza le “sue” pedane

Reset da Covid-19, Caserta si sveglierà senza le “sue” pedane

Enzo Battarra – #iorestoacasa. E intanto la città cambia. Il paesaggio urbano si modifica. Succede così anche a Caserta. Chi è disciplinatamente confinato presso la propria abitazione non percepisce quel gran sentimento di tristezza diffusa che si prova, per chi va al lavoro o esce per effettive necessità, nel vedere le strade vuote, i negozi chiusi, il silenzio irreale. Al risveglio dal confino domiciliare i casertani si accorgeranno che il corso Trieste non ha più le sue famigerate pedane. Solerti lavoratori stanno provvedendo in questi giorni a rimuovere quello strano arredo urbano, nato presumibilmente per “abbellire” il corso della città, ma divenuto nel tempo inutile e sgangherato orpello, monumento al degrado, simbolo del decadimento di un’arteria urbana un tempo cuore pulsante della città e ora con le sue saracinesche abbassate, già abbassate prima del coronavirus, emblema del declino economico e sociale.

Da oggi, per chi ha necessità, si potrà circolare impunemente per le strade del centro. C’è la sospensione di tutte le Zone a Traffico Limitato della città di Caserta. E questo fino alla durata delle misure restrittive della mobilità previste per contrastare la diffusione della covid-19. Chi sarà alla guida della propria auto avrà l’impressione di riappropriarsi della città, che però è un fantasma di quella che era un tempo, città necessariamente spogliata delle sue funzioni e della sua vitalità.

E’ questo un tempo utile alla riflessione e alla programmazione, una sorta di reset nel corso del quale il ricorso al web come fonte di cultura e di informazione deve servire per assorbire nuove idee e determinazioni. La vita riprenderà e sarà un obbligo renderla migliore di quella che si è di fatto sospesa all’inizio della pandemia da coronavirus. Altrimenti, questa dolorosa calamità non avrà insegnato nulla.

About author

Enzo Battarra
Enzo Battarra 45 posts

Enzo Battarra (Napoli, 1959) è critico d'arte e giornalista. Collabora con il quotidiano “Il Mattino” e con riviste specializzate d’arte di rilievo internazionale. Ha pubblicato diversi libri sui temi dell’arte, è curatore indipendente di mostre. Medico, dermatologo, è responsabile dell’Unità Operativa di Dermatologia e Malattie veneree dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta, dove svolge anche le funzioni di addetto stampa. È stato direttore dell’attività museale, espositiva e convegnistica del Comune di Caserta. Ha ricoperto il ruolo di assessore alla Cultura nei Comuni di Caserta e Casagiove.

You might also like

Un casertano in Spagna, mostra dell’artista Enzo Trepiccione

Luigi Fusco – Un casertano trasferitosi presso la penisola iberica presenta i suoi ultimi lavori di arte contemporanea. A rappresentare il meglio della pittura d’avanguardia targata Terra di Lavoro in

Primo piano 0 Comments

Giornata dell’Alimentazione, anche il benessere ha i suoi colori

Marcellino Monda* In tempo di Covid, qualsiasi altro argomento sembra assumere un valore secondario. Eppure oggi si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, manifestazione internazionale pluridecennale. Tra i tanti aspetti da

Comunicati 0 Comments

Restart mostre, Assunta Saulle fa “Luce” sul Maschio Angioino

Claudio Sacco – Ha riaperto da oggi alla Cappella Palatina del Maschio Angioino di Napoli la mostra d’arte fotografica di Assunta Saulle “Luce 1”. L’esposizione a cura Carla Travierso, prodotta da Black Tarantella e promossa dall’Assessorato

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply