Sisma, i musei in prima linea per la raccolta di fondi

Sisma, i musei in prima linea per la raccolta di fondi

(Redazione) – “Stamattina gli sbandieratori di Gubbio e le lezioni davanti a Terrae Motus (foto Giovanni Izzo), tutto il ricavo di oggi alla Reggia va alla ricostruzione dei paesi terremotati, ieri sera 755 ingressi”. Con questo post su Facebook il direttore Mauro Felicori ricorda gli appuntamenti alla Reggia di Caserta e fornisce il dato significativo degli accessi all’apertura serale straordinaria di ieri.

Come ricorda lo stesso Felicori, tutti gli incassi dei musei statali di oggi sono destinati ai territori terremotati. Lo ha annunciato proprio il ministro dei beni culturali e del turismo Dario Franceschini, invitando tutti gli italiani ad andare nei musei in segno di solidarietà con le popolazioni coinvolte dal sisma della scorsa notte. Grazie a questa prima misura straordinaria – che si aggiunge a quelle che il Governo adotterà – il MiBACT destinerà gli incassi dei musei di oggi a interventi sul patrimonio culturale danneggiato dal sisma. #lavoriamodicultura
Al MiBACT si è nuovamente riunita l’unità di crisi nazionale per predisporre le linee di intervento e l’invio, nelle zone colpite dal terremoto, delle squadre dei tecnici (operazione, quest’ultima, che potrà avvenire solo a conclusione della fase della prima emergenza in cui ci si deve preoccupare di salvare le vite e assistere le popolazioni colpite).
Sin dalle prime ore successive al sisma è stata infatti attivata al MiBACT un’unità di crisi in stretto coordinamento con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e con il Comitato Operativo della Protezione Civile.
Nel Lazio, nelle Marche e in Umbria sono già presenti i Carabinieri dei tre comandi regionali per la Tutela del Patrimonio che stanno provvedendo a una prima valutazione dei danni e alla messa in sicurezza del patrimonio culturale, anche al fine di prevenire sottrazioni dolose.
L’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro ha già elaborato l’elenco dei beni di interesse culturale presenti nel territorio.
Sono infine attive le unità di crisi Regionali del MiBACT che, d’intesa con gli istituti del Ministero e le Soprintendenze Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle aree coinvolte, stanno individuando le località più adeguate al deposito dei beni culturali mobili danneggiati o a rischio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7163 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Caserta, grande accoglienza per i nuovi 440 manzoniani

Con i suoi 440 studenti del primo anno e con ben 19 classi, il liceo Manzoni  ha iniziato il suo nuovo anno scolastico. Ad accogliere i nuovi manzoniani, il dirigente

Primo piano

Il pan ruralis di Pietro Sparago, un panettone salato e vincente

Maria Beatrice Crisci – Il maestro pasticciere casertano Pietro Sparago, titolare di Re di dolci (via Cilea), ha conquistato il secondo posto nell’ambito del primo contest gastronomico nazionale incentrato sui

Primo piano

I Longobardi al Mann. Una civiltà tutta da scoprire

Mario Caldara – Un altro pezzo di storia si ricongiunge a Napoli, anche se momentaneamente. Questo frammento storico porta la firma dei Longobardi, popolo tra i meno conosciuti, fatto paradossale

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply