Sun. Metà distrofie ha causa genetica sconosciuta, metodo italiano la svela

Sun. Metà distrofie ha causa genetica sconosciuta, metodo italiano la svela

Metà delle distrofie di solito rimane ‘misteriosa’, senza che si riesca a risalire al difetto genetico che le provoca nonostante esami talvolta lunghi e invasivi, ma grazie a uno studio italiano il destino della maggior parte di questi pazienti potrebbe cambiare. Pubblicata sulla rivista Neurology, la ricerca descrive il metodo sviluppato con il coordinamento di Vincenzo Nigro, ordinario di genetica medica della Seconda Università di Napoli e ricercatore del Telethon Institute of Genetics and Medicine (TIGEM).

Lo studio ha coinvolto 504 pazienti con malattie muscolari senza una diagnosi ed almeno 40 clinici, provenienti da tutti i centri italiani riuniti in due networks insieme con esperti francesi e belgi. Utilizzando la nuova tecnologia detta next generation sequencing il 43.3% ha avuto una risposta definitiva, trovando la mutazione alla base della malattia, ed un ulteriore 31,7% una diagnosi parziale. “Questo è al momento il più grande studio mai pubblicato nel mondo – spiega Nigro – e suggerisce che questo tipo di analisi dovrebbe costituire il test d’ingresso per la diagnosi di queste malattie, mentre ora ci si sottopone ad accertamenti anche invasivi che in metà dei casi non portano ad un risultato. Noi abbiamo preso questi casi senza diagnosi e nella maggior parte dei casi siamo riusciti a risalire alla causa. Inoltre quei pochi che rimangono sono nella fascia di malattia più lieve, in cui la componente genetica potrebbe svolgere un ruolo minore”.

Se si sommano tutte le patologie neuromuscolari, sottolinea Nigro, si arriva a una persona su mille della popolazione italiana. “Conoscere il gene responsabile è molto importante – spiega l’esperto – in alcuni casi ci permette addirittura di iniziare una terapia, mentre in altri può consentire ai pazienti di entrare in un trial clinico. Inoltre è importante per la famiglia, per sapere chi è portatore di una mutazione e fare così un counselling genetico”.

La piccola parte di pazienti che restano senza diagnosi anche dopo questo studio entreranno in una nuova sperimentazione di sequenziamento genomico. “Con questo primo progetto abbiamo investigato solo tutti i geni conosciuti ad oggi. Poi c’è un altro progetto di Telethon per scandagliare tutti i geni umani per identificare nuove malattie genetiche: in questo studio avranno priorità i pazienti più gravi”.

Fonte: Comunicato stampa

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Sorella Africa in prima pagina, Il Sole 24 ore celebra suor Rita

Maria Beatrice Crisci – A Caserta è la “buona samaritana” di tante donne sfruttate e violate da criminali e aguzzini senza scrupoli, donne migranti in situazioni di difficoltà, sole o

Primo piano

Luciano Galassi alla libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere

La cultura napoletana offre una miriade di detti, motti, locuzioni che, se pronunciati in maniera opportuna, possono sostenere un atteggiamento, una chiarificazione, un richiamo, una stroncatura, una definizione. A spiegare

Economia

Disagiati ma vincenti, a loro il premio dell’AlberThon

(Enzo Battarra) – Saranno anche “I Disagiati”, nome che loro stessi si sono attribuiti, ma certamente sono stati resistenti e performanti. Sono loro i vincitori dell’AlberThon, la maratona informatica di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply