Teatro Civico 14, in scena “Mamma” di Annibale Ruccello

Teatro Civico 14, in scena “Mamma” di Annibale Ruccello

– «Mamma» è lo spettacph_01_Mammaolo che andrà in scena sabato 2 novembre al Teatro Civico 14 di Caserta. Un racconto di quattro storie ispirate alle figure disegnate da Annibale Ruccello nel 1986. Una performance incarnate nel dialetto foggiano, lingua madre dell’attore Danilo Giuva, e nella visione contemporanea della Compagnia Licia Lanera che torna in data unica in Campania al Teatro Civico 14. La pièce teatrale è molto poco rappresentata, forse per la composizione frammentata in quattro brevi monologhi o probabilmente perché, tra i lavori di Ruccello, è quella più aderente alle aberrazioni dell’epoca in cui è stata scritta. La consulenza artistica per la messa in scena è di Valerio Peroni e di Alice Occhiali, le luci di Cristian Allegrini, musiche e suoni di Giuseppe Casamassima, fondale di Silvia Rossini, organizzazione Antonella Dipierro, assistente alla regia Riccardo Lacerenza.

«Una madre – sottolinea Danilo Giuva nelle note che accompagnano lo spettacolo – è colei che dà inizio alla vita, è colei che rende possibile l’inizio di un altro mondo, che fa esistere un’altra volta, ancora una volta, il mondo. Nell’atto del concepimento la madre diventa creatrice, generatrice di un corpo che cresce, si espande, che acquista le sue forme, per rivelare, però, alla fine, la sua trascendenza. La maternità è, dunque, l’evento in cui ogni madre incontra la dimensione irreversibile della perdita, è l’atto in cui la madre, perdendo il frutto creato dal suo corpo, cessa di essere creatrice. La maternità non è mai un evento della biologia, quindi, ma, innanzitutto, un evento del desiderio, il desiderio di reintegrare quel frutto nel suo corpo, di ripristinare il potere generatore della vita. Ed è proprio dalla riflessione su questo desiderio e sulla sua degenerazione narcisistica che nasce il mio, di desiderio catartico, di comprenderlo fino in fondo, per sviscerarlo e mostrarne, poi, il cortocircuito che ne consegue. Per svelare il bug che infetta il cervello della donna/madre nell’istante dell’espulsione e che trasforma una condizione così bestialmente carnale ed istintiva, nell’incarnazione metaforica della disgregazione del nido familiare in funzione del Sé, al punto da indurla a disconoscere ogni sua mansione naturale e rivelare, all’opposto, un animo di genitrice perfida e mutevole».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Pompei celebra la festa della musica!

(Mario Caldara)  – La festa della musica ha alle spalle una storia molto particolare, che risale a più di trent’anni fa. Era il 21 giugno 1982 quando questa festa vide

Primo piano

Sant’Arpino. PulciNellaMente ricorda il maestro Ezio Bosso

Comunicato stampa Ad un mese dalla scomparsa, avvenuta il 15 maggio scorso, la città di Sant’Arpino (Caserta) ricorda con alcuni eventi il Maestro Ezio Bosso, amico di PulciNellaMente, di cui

Spettacolo

Jonas Kaufmann, è lui il Re dell’Estate alla Reggia di Caserta

Claudio Sacco – Un’Estate da Re si avvia alla conclusione. Il gran finale è in programma per martedì 7 agosto alle ore 21. Protagonisti saranno il miglior tenore del mondo