Terrae Motus, il 23 novembre apertura serale della Reggia

Terrae Motus, il 23 novembre apertura serale della Reggia

(Comunicato stampa) – Terrae Motus e la sua forza generatrice. Il 23 novembre la Reggia di Caserta dedica una giornata alla grande collezione di arte contemporanea donata da di Lucio Amelio. Gli Appartamenti reali della Reggia di Caserta resteranno aperti in continuità fino alle 23.15, con visite di approfondimento gratuite.

L’iniziativa, prevista nel Piano di Valorizzazione 2023, ha l’obiettivo di tenere viva la memoria della tragedia del terremoto del 23 novembre 1980 che scosse parte del Sud Italia, provocando morte e distruzione. Causò circa 280.000 sfollati, 9000 feriti e quasi 3000 vittime. Nei giorni successivi alla tragedia, il gallerista Lucio Amelio, uno degli indiscussi protagonisti della scena dell’arte nazionale che aveva portato portò il contemporaneo a Napoli rendendolo un centro internazionale, si recò nelle zone più gravemente colpite e chiamò a raccolta i maggiori più grandi artisti dell’epoca per trasformare in arte e rendere tangibili le emozioni legate al disastro sismico. Nel 1993, per volontà testamentaria del gallerista, la collezione Terrae Motus è stata donata alla Reggia di Caserta.

Il 23 novembre 2020, a 40 anni esatti dalla catastrofe del 1980, l’Istituto museale ha avviato il riallestimento delle 72 opere, oggi interamente esposte negli Appartamenti reali del Palazzo reale. Il progetto, attraverso una rinnovata e sperimentale contaminazione, offre la potenza del messaggio dell’arte contemporanea al grande pubblico nei percorsi tradizionali del Museo. Le opere aprono un dialogo con gli ambienti settecenteschi e ottocenteschi degli Appartamenti reali, innestando una relazione diretta con il linguaggio barocco e neoclassico della Reggia di Caserta. Tra quelle esposte si annoverano capolavori del calibro di  “Fate presto” di Andy Warhol, “Italia porta” di Luciano Fabro, “Sussulto” di Mario Schifano, “Terrae Motus in quel tempo” di Mario Merz, “L’altra figura” di Giulio Paolini, “Senza titolo” di Nino Logobardi, “Re uccisi al decadere della forza” di Mimmo Paladino, “Als ob… ’84-I” di Emilio Vedova”, West-ho go (Glut)” di Robert Rauschenberg, “Terremoto in palazzo” di Joseph Beuys, “Hearthquake” di Keith Haring, “Et la terre tremble encore” di Anselm Kiefer, “Static 1982” di Gerhard Richter e “Vesuvius Circle” di Richard Long.

Nel corso di tutta la giornata del prossimo mercoledì 23 novembre, l’istituto museale proporrà visite di approfondimento gratuite alla collezione e ai suoi protagonisti, a cura del personale del Museo e di Opera Laboratori. 

I biglietti di ingresso sono disponibili online e in biglietteria. Si ricorda che dalle 17 il costo del titolo di accesso per gli Appartamenti Reali è di 4 euro (+ 1 euro per prevendita su TicketOne). 

L’ultimo ingresso agli Appartamenti reali è alle ore 22.15. Il Teatro di Corte sarà aperto dalle 16.30 alle 19.15, con ultimo accesso alle 18.45.  Il Parco reale e il Giardino Inglese osserveranno gli orari ordinari del mese di novembre. 

About author

You might also like

Primo piano

Fedeltà al lavoro e al Progresso economico, giovedì i premi

Claudio Sacco – Tradizionale e molto atteso l’appuntamento di giovedì prossimo 20 dicembre alla Camera di Commercio di Caserta. Saranno ben sessantotto, fra lavoratori dipendenti e imprenditori, gli invitati a

Primo piano

Da Hollywood a Casal di Principe, ultima fermata l’ASL

(Claudio Sacco) – È stato come un viaggio da Hollywood a Casal di Principe, dalla villa del gangster cubano di Miami Tony Montana nel film “Scarface” alla sua declinazione in quel

Cultura

Gianni Gallo, la poesia eroica rivissuta nella Spartacus Arena

Maria Beatrice Crisci – Una serata dedicata alla scrittura in versi, che ha avuto come protagonisti Neruda e García Lorca, due poeti legati dalla lingua ispanica, ma soprattutto dal loro fervore e