Tutti pazzi per il gatto, il 17 febbraio è la giornata mondiale

Tutti pazzi per il gatto, il 17 febbraio è la giornata mondiale

Tiziana Barrella

-Compagni insostituibili nelle case di milioni di italiani e nel mondo, i gatti sono dotati di un fascino irresistibile: autonomi, audaci, atleti sensazionali, innamorati dei loro amici umani, sensitivi, guaritori e finanche divinità. La festa del gatto, istituita  32 anni fa per rendere omaggio ai piccoli felini che hanno conquistato i cuori del mondo, ricorre ogni il 17 febbraio. Non c’è chi non abbia visto in questa data un’associazione con lo zodiaco e con le credenze popolari, per quanto. Febbraio è il mese dedicato al segno zodiacale dell’acquario, spirito libero ed anticonformista per eccellenza proprio come quelli dei gatti che non amano sentirsi oppressi da troppe regole.

Il giorno 17 solitamente si ritiene essere poco fortunoso. Qualcuno  lo ha abbinato al gatto poiché c’è stato un tempo in cui i simpatici felini purtroppo non sono stati tanto amati. Collegati tra il 1400 e 1600 alle streghe e alla magia, anche essi non ebbero un’esistenza facile; fortunatamente quei tempi bui sono molto lontani ed anche la riabilitazione del numero 17 via via sta avvenendo proprio da chi studia i numeri, che sostiene come invece simboleggi la saggezza e la responsabilità.

Il felino amante della notte ed abilissimo cacciatore che tutto osserva e a cui non sfugge il benché minimo movimento, con le sue innate doti, crea una vera e propria tutela del territorio in cui risiede; infatti la sua presenza è sempre stata ritenuta importante per proteggere i raccolti e le fattorie da animali e roditori molesti. 

Ma la storia dei gatti più celebre parte da molto lontano ed attraversa ben 2.356 Km fino ad arrivare in Egitto, dove sono stati rinvenuti addirittura dei dipinti che lo collocano nel paese fin dal  1990 a.C. (tomba della XII dinastia egizia di Khnumhotep II a Beni Hasan e riproducenti le immagini di un gatto selvatico). L’ animale era tanto diffuso e sacro al punto di essere adorato come divinità: la dea  Bastet – indispensabile per proteggere la famiglia, propiziare l’amore e la nascita di un figlio- è conosciuta anche oggi e se ne vendono amuleti e statuette propiziatorie in negozi specializzati. All’animale magico per eccellenza – myeu per gli egizi – protetto finanche da severe leggi marziali, veniva riservata una cerimonia funebre di tutto rispetto; i suoi familiari in segno di lutto per la scomparsa del sacro membro della famiglia si radevano le sopracciglia e, dopo aver accuratamente imbalsamato il proprio felide, lo collocavano in uno dei cimiteri presenti.

Anche in altri paesi il gatto ha una posizione di privilegio. Nella cultura islamica si narra di come il profeta Maometto nutrisse un grande amore per la sua gatta Muezza; oggi è un animale molto diffuso e di cui la gente ha un enorme rispetto. Se vi capita di camminare in una delle viuzze del Suk di Marrakech o di altre città, noterete certamente un’infinità di gattoni in piena salute e a cui ciascuno porta da mangiare o che lascia semplicemente riposare su uno dei tappeti ben esposti  per i clienti.

Certamente i nostri gatti sono felici ogni giorno e durante la giornata   a loro dedicata vorremmo festeggiarli di più, ma ricordiamoci pur sempre che il gatto è un incredibile guastafeste, per cui non possiamo affatto celebrarlo facendo molto clamore, altrimenti  loro scompariranno nel proprio nascondiglio preferito finché tutti non se ne saranno andati!

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 111 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Primo piano

Camera arbitrale a Caserta, tempi brevi per la giustizia

Maria Beatrice Crisci – “L’Ateneo insiste molto a valorizzare per quanto possibile il territorio sul quale insiste, E questa è sicuramente un’occasione. Il Ministero della Giustizia ha promulgato nel 2017

Primo piano

Reggia e Fragneto Monforte, mongolfiere in terra borbonica

Maria Beatrice Crisci – L’anno scorso fu uno spettacolo unico, una mongolfiera nel Parco della Reggia di Caserta. In tanti non vollero perdere l’occasione di veder alzare il pallone aerostatico proveniente

Primo piano

Mettilo in agenda! La pagina degli eventi è su Ondawebtv

Emanuele Ventriglia -Non sai cosa fare durante questo fine settimana? Ecco i principali eventi che si svolgeranno sul territorio casertano. Avete segnalazioni di iniziative da seguire? Inviate email a info@ondawebtv.com