Un anno senza Mafonso, l’artista che ha unito Caserta a Roma

Un anno senza Mafonso, l’artista che ha unito Caserta a Roma

Maria Beatrice Crisci

– Oggi alle 18 la messa nella chiesa di San Bartolomeo Apostolo al Parco Cerasola di Caserta a un anno dalla scomparsa dell’artista Mafonso. “Uno spirito libero, questo era Mafonso”.  Scriveva sul Mattino Enzo Battarra: “Un artista amico di tutti, ma sempre fiero della sua indipendenza dalle correnti, dalle mode, dalle consuetudini. Il suo travolgente ottimismo velato sempre di malinconia è andato via con lui. Ma si sa, ogni artista è immortale. Le opere vivono a perenne memoria, sono capaci di rendere presente anche chi non c’è più”.

La sua vita è stata dedicata all’arte. Mafonso, all’anagrafe Alfonso Marino, era nato nel 1948 a Frattaminore, ma in realtà ha vissuto sempre a Caserta, tranne una parentesi giovanile negli anni Settanta che lo ha visto formarsi a Roma. Qui frequentò gli artisti di piazza del Popolo, la Scuola romana di Mario Schifano, Franco Angeli, Tano Festa. Ed espose per la prima volta nel 1976 alla galleria Agenzia d’Arte Moderna di Paolo Sprovieri. Sempre nella Capitale fondò pure il gruppo Cosa Mentale.

Ma a partire dagli anni Ottanta iniziò a vivere stabilmente a Caserta. Proprio in quel decennio diventò un fenomeno nazionale, celebrato sulle riviste di settore, con esposizioni in importanti fiere europee, in musei prestigiosi, in gallerie accorsate. Ma questo non incise mai sul suo mite e docile carattere. Soprattutto non si modificò mai il suo rapporto con Caserta, dove ha continuato sempre a lavorare realizzando i suoi dipinti e le sue sculture spesso presentati in esposizioni personali e collettive cittadine. Storica la sua collaborazione con il gallerista casertano Massimo De Simone, con il quale realizzò importanti progetti. Ma molto stretto rimase anche il rapporto con lo Studio Soligo di Roma. Poi, dal 1991 Mafonso aveva sostenuto il percorso di gallerista intrapreso dal fratello Angelo Marino, venuto a mancare poco più di un anno fa a causa della stessa dolorosa malattia.

Resterà nella memoria dei casertani «Plus Ultra», la grande vela dipinta, alta dodici metri, che Mafonso installò nel 2001 davanti alla Reggia. Ed è tuttora visitabile la sua scultura pubblica in acciaio a Capua. Una sua opera, inoltre, è nella collezione permanente del Madre, il Museo d’arte contemporanea Donnaregina di Napoli.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6369 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Teatro Civico 14, apre la nuova stagione con “Stanza segreta”

Magi Petrillo  – E’ “Stanza Segreta” il racconto lungo tredici tappe che apre la nuova stagione teatrale del Teatro Civico 14. L’appuntamento è per sabato 5 ottobre alle ore 20 e

Primo piano

“Un anno dopo”, il testo di Laudadio è al Civico 14 di Caserta

Marco Cutillo – Questa settimana torna in scena al Teatro Civico 14 di Caserta, dopo cinque anni, lo spettacolo “Un anno dopo”, scritto da Tony Laudadio. Sotto la guida registica di

Cultura

Aversa. A Palazzo Cascella Mario Nappi e Arturo Caccavale

Magi Petrillo -«Calici di jazz» a Palazzo Cascella venerdì prossimo. Nell’antica dimora di via Cesare Battisti il duo formato da Mario Nappi al piano e Arturo Caccavale alla voce e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply