Vertici nazionali dell’odontoiatria, è a Caserta la “tre giorni”

Vertici nazionali dell’odontoiatria, è a Caserta la “tre giorni”

Maria Beatrice Crisci

– Al via ieri 9 luglio a Caserta la “tre giorni” che vede impegnata la Commissione Albo Odontoiatri Nazionale insieme a tutti i 106 presidenti delle Cao italiane. Ad aprire i lavori al Grand Hotel Vanvitelli i saluti del sindaco di Caserta Carlo Marino e della presidente dell’Ordine dei Medici di Caserta Maria Erminia Bottiglieri. A fare gli onori di casa il presidente Cao Caserta Pietro Paolo Scalzone. La prima giornata si è aperta con la riunione della CAO nazionale. Molti i punti all’Ordine del giorno, dalla formazione universitaria a quella continua, alle relazioni con le Istituzioni, alla partecipazione ai prossimi appuntamenti e congressi scientifici.

Tra i punti all’Ordine del giorno, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, le novità normative sulla radiologia e quelle sull’Educazione continua in medicina, le attività degli organismi esteri, la presentazione di un nuovo corso Fad e di un altro Corso di Formazione, che partirà a settembre, specificamente dedicato ai Presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri. Questa tre giorni è stata anche l’occasione per far conoscere agli ospiti la città di Caserta e le sue bellezze. Dalla Reggia al Belvedere di San Leucio con le sue antiche seterie. E ancora, lo splendido Palazzo Cocozza di Montanara a Piedimonte di Casolla. “Siamo contenti di poterci finalmente riunire in presenza, nel pieno rispetto della normativa anti-covid, e siamo orgogliosi di farlo qui a Caserta – ha affermato il presidente CAO nazionale, Raffaele Iandolo. Saranno tre giorni di confronto, aggiornamento, dialogo e lavori serrati. L’Odontoiatria è una professione viva, al passo con i tempi e con le evoluzioni scientifiche, cliniche, normative”. Per la presidente Bottiglieri: «E’ questa una occasione per la città di Caserta di presentarsi a livello nazionale. Per me è un onore e un piacere ospitare tanti colleghi con i quali condividiamo tante battaglie comuni a difesa della professione. L’appello che faccio è quello di un’unità tra i medici e gli odontoiatri per portare avanti e difendere le problematiche della nostra professione”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7291 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Dolce Natale a Castel Morrone, doppio panettone da Sparaco

Claudio Sacco – PanArchico e MielNoce. Sono queste le due specialità di successo che portano la firma di Guido Sparaco. Delizie che si possono trovare in questi giorni di festa

Primo piano 0 Comments

Giornata Mondiale del Libro. Caserta resta off limits

Maria Beatrice Crisci – Il 23 aprile è una data simbolo. In questo giorno nel 1616 morirono gli scrittori Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Inca Garcilaso de la Vega. L’UNESCO ha voluto

Spettacolo 0 Comments

Capodanno, splendono ori e note nella Cappella Palatina

(Redazione) – Un appuntamento immancabile quello del Concerto di Capodanno che anche quest’anno, come da tradizione, è stato ospitato nella Cappella Palatina della Reggia di Caserta. “Splendori del ‘700 napoletano”

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply