Viaggio nel cantiere Reggia. Aperta Terrae Motus nella versione Felicori

Viaggio nel cantiere Reggia. Aperta Terrae Motus nella versione Felicori

(Beatrice Crisci)           “Terrae Motus” è una collezione d’arte contemporanea che è figlia del mondo e al mondo parla. Lucio Amelio, carismatico gallerista napoletano, volle legarla alla Reggia di Caserta, affinché il palazzo vanvitelliano custodisse per quasi un secolo e forse più le testimonianze di quelli che sono stati i magnifici protagonisti dell’arte degli anni Ottanta. Sono ottimamente rappresentati molti dei più straordinari artisti internazionali della seconda metà del Novecento. In occasione della riproposizione dell’intera collezione, la Reggia delle meraviglie si è trasformata in un cantiere, con un allestimento, certo discutibile ma coraggioso, dichiaratamente provvisorio, che trasforma l’esposizione delle opere in un avventuroso viaggio tra apparizioni e nascondimenti, visioni oblique e strappi alle regole.
Schermata 2016-06-01 alle 20.32.09Ma la forza dei lavori è tale da superare qualunque precarietà installativa. queste opere nascono dalla tragedia del sisma campano del 1980 ma parlano al mondo di rinascita, di ricostruzione fisica e mentale, di riscatto, di un “motus” collettivo che è della terra ma è soprattutto di chi abita la terra. Molte le presenze giornalistiche campane alla preview per la stampa e per gli addetti ai lavori, molti i critici e gli appassionati, il sottosegretario ai Beni Culturali Cesaro e molti componenti della famiglia Amelio. Il mondo però non c’era, ma verrà e si renderà conto di quale tesoro sia qui custodito. Questa inaugurazione l’ha voluta lui, Mauro Felicori, il direttore della Reggia, e lui sa come richiamare l’attenzione del mondo sul gioiello casertano. Nella folla la possibilità di incontrare Bruno Di Bello, Sergio Fermariello, Nino Longobardi ed Ernesto Tatafiore, magnifici quattro artisti, tra i protagonisti della collezione. Qualcuno ama chiamarli “maestri di Terrae Motus”, ma loro sorridono e si sottraggono all’appellativo, anche se compiaciuti. Sanno di essere la storia. E non è poco…
@beatricecrisci foto di #GiovanniIzzo

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

PulciNellaMente, su il sipario! E’ tempo di conferenza stampa

(Claudio Sacco) – PulciNellaMente è alla sua diaciannovesima edizione. Sarà nel corso della conferenza stampa che saranno svelate le personalità del mondo della cultura, della scuola e dell’economia che parteciperanno alla rassegna

Cultura 0 Comments

Il crepuscolo degli dei? Domenica nell’Antica Cales!

(Beatrice Crisci) – Ci saranno i caleni ma anche gli dei al crepuscolo. Con questa accattivante promessa l’ArcheoCales invita a percorrere la visita guidata teatralizzata con tableaux vivants al sito archeologico

Attualità 0 Comments

Ospedale di Caserta, riferimento per gravide positive al COVID

Claudio Sacco -La Regione Campania ha individuato l’AORN “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta, insieme alla Federico II, struttura di riferimento per la gestione delle gravide positive al COVID-19. Lo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply