25 novembre, la giornata per dire no alla violenza sulle donne

25 novembre, la giornata per dire no alla violenza sulle donne

Tiziana Barrella *

– Emulazione? Crollo dei valori? Mancato rispetto della vita? Cosa scatena l’iraSchermata 2018-11-20 alle 09.59.56 e la violenza sulle proprie compagne, sulle madri dei propri figli, su giovani ragazze o su perfette sconosciute?

La violenza su chi si presume essere il sesso debole è un fenomeno piuttosto antico. Ancor prima dei tempi moderni, quando la vita umana non era probabilmente il bene più prezioso, sembrava quasi che le violenze di ogni sorta fossero un fenomeno pressoché “naturale”!

In guerra, era quasi sempre prassi usare violenza sulle donne di altra appartenenza per affermare la propria discendenza o per infliggere al proprio nemico un’ ulteriore punizione. Donne sfruttate, bruciate, costrette a terribili umiliazioni, nei secoli insomma, lo scenario sembrerebbe essere caratterizzato da un comune denominatore: considerare la vita come un bene appropriabile e privo di significato.

Nonostante gli enormi progressi, i successi dei tempi moderni, le statuizione a livello internazionale dei diritti fondamentali dell’individuo, la situazione odierna non appare affatto semplice. Indubbiamente, la sacralità della vita ha assunto nel corso del tempo un peso diverso, ma ancora oggi però, siamo davvero ben lontani dal considerare “biblicamente parlando”, la donna come una costola dell’uomo, come una parte quindi fondamentale di sé!

Molte forme di abuso si sono dissipate nel tempo con l’affermarsi della modernità, ma casi atroci come quello di Pamela, di Desirée, folli come quello di Noemi Durini, o terribili come i drammi familiari consumatesi di recente di Laura Pirri, di Antonella Laurenza e di tutte le altre vittime la cui memoria si onora, fanno intuire che siamo piuttosto lontani dai concetti di umanità e rispetto che dovrebbero essere invece la base della nostra quotidianità. Solo in quest’anno, secondo le statistiche si sarebbero consumati circa 65 femminicidi oltre ai casi non citati in cui, l’abuso psicologico, fenomeno sempre più diffuso e spesso non di semplice rappresentazione, almeno in una chiave di lettura giuridica, la fa da padrone.

Ed è proprio sull’abuso psicologico che il nostro focus attenzionale si è rivolto in modo intensivo negli ultimi anni. Abbiamo cercato di chiarire, attraverso l’ausilio dei maggiori professionisti del settore, cosa sia realmente; lo abbiamo descritto ed analizzato, abbiamo realizzato progetti informativi e formativi volti a far si che si potesse in qualche modo offrire uno spunto per riconoscere ed eventualmente contrastare un possibile abusante. Abbiamo insomma dato vita a una vera e propria lotta fatta a colpi di informazione e sensibilizzazione perché crediamo fortemente nell’idea che la parola prevenzione non debba rimanere solo segregata fra le pagine di un dizionario.

Analizziamo nello specifico il profilo tipico di un manipolatore affettivo, cosa produce un abuso psicologico e perché non ci si sottrae secondo le più accreditate teorie in merito.

Chi è il manipolatore affettivo?

  • Sono soggetti molto abili e talvolta astuti nel far incastrare le proprie esigenze con le altrui debolezze. Possono essere amici, parenti, partner, uomini o donne.
  • Hanno di fondo problemi pscichici non dichiarati e non sempre facilmente individuabili.
  • Capaci di poca empatia e privi di senso di colpa; poco senso della responsabilità; poco capaci di instaurare qualunque relazione profonda.
  • Tendenzialmente anaffettivi e bravi a cogliere le debolezze altrui.
  • Alternano momenti di tenerezza a comportamenti riprovevoli; aggressivi; tradimenti; bugie; promesse.

Su cosa fa leva un manipolatore affettivo ?

  • Più o meno consapevolmente, fanno leva sulle nostre ferite profonde e sui nostri bisogni, sul nostro senso di abbandono, rifiuto, scarsa autostima
  • Utilizzano per amplificare la propria forza, il senso di colpa e   la paura della vittima

Perché non ci si sottrae facilmente o non si riconosce un manipolatore?

  • A volte si vive nella così detta “Sindrome della crocerossina”, ovverossia la falsa credenza di dover aiutare l’altro perché è un fragile.
  • Paura della solitudine
  • Paura di non farcela economicamente
  • Paura di eventuali ritorsioni
  • Gelosia morbosa
  • Falsa credenza di essere il fattore scatenante degli abusi
  • necessità di controllo della vittima rispetto ai comportamenti dell’abusante

Cosa produce l’abuso psicologico ?

  • Traumi e Shock emotivi ( allucinazioni, paranoie ecc.)
  • Disturbo post traumatico da stress
  • Paure generalizzate; fobie; ansia; attacchi di panico; depressione; pensieri suicidari

dipendenze e cambiamenti umorali;

  • attacchi di rabbia (gestualità auto ed etreolesiva)
  • disturbi del sonno; disturbi alimentari; disturbi della sfera sessuale
  • atteggiamenti compulsivi e compensativi (mangiare, fumare; bere; uso di sostanze psicotrope )
  • Tendenza all’eccessivo silenzio o logorrea

*Avvocato

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6252 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Le Buone Notizie, Caserta premia l’informazione in positivo

Maria Beatrice Crisci – “Siamo in un momento epocale per quanto riguarda l’informazione. L’accorato appello fatto dal vescovo in mattinata nel corso della messa in Cappella per i giornalisti è

Attualità

Premio Best Practices. A Napoli la presentazione con 012 Factory

(Redazione) – Ci sarà anche 012 Factory domani lunedì 3 ottobre all’Unione Industriali di Napoli in Piazza dei Martiri in occasione della presentazione del Premio Best Practices per l’innovazione, tra le

Food

Caserta, al Prosit 1990 il pranzo è come un racconto di Natale

Enzo Battarra – Prosit! E si brinda anche a Caserta affinché il futuro sia migliore, le feste siano piacevoli, il nuovo anno ricco di benessere e di soddisfazioni. Pranzo di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply