A Catania per La Traviata, in scena il baritono casertano Landolfi

A Catania per La Traviata, in scena il baritono casertano Landolfi

(Comunicato stampa) -La prima volta al Teatro “Bellini” di Catania nei panni, tra l’altro di un personaggio, al quale è particolarmente legato. Il baritono casertano Francesco Landolfi si dice emozionato per “La Traviata” di Giuseppe Verdi, produzione in corso in Sicilia con la direzione orchestrale affidata al celebre tenore argentino M° José Cura, con la regia di Henning Brockhaus, le scene di Josef Svoboda, i costumi di Giancarlo Solis e le Coreografie di Valentina Escobar. 2, 5 e 7 dicembre, queste le tre date che vedono impegnato il cantante lirico di Alvignano nei panni di Giorgio Germont: “È per me una grande emozione rivivere nuovamente la magia e la meravigliosa musica di Giuseppe Verdi soprattutto col famosissimo e magico allestimento denominato “La Traviata degli specchi” creato per lo Sferisterio di Macerata nel 1992 – ammette l’artista – Al tempo stesso sono felice di debuttare con questo forte, cinico ed enigmatico personaggio nell’incantevole e splendida cornice del Teatro catanese. Giorgio Germont è un personaggio a cui sono molto legato, un personaggio che mi ha dato tante soddisfazioni e che, sono sicuro, anche questa volta mi regalerà grandi emozioni”.

Una nuova esperienza che arricchirà la già ricca carriera del baritono, un talento dell’Alto Casertano che si è avvicinato al Bel Canto fin da giovanissimo, fin da quando frequentava i primi anni delle Scuole Superiori. “Ho iniziato impostando per gioco la voce – continua – Grazie alla mia famiglia ho iniziato gli studi e continuato fino a quando il canto non è diventato la mia ragione di vita”. Il cantante alvignanese racconta con gioia il suo percorso e, rifacendosi al suo ultimo impegno, augura a se stesso e ai suoi compagni di produzione un grandissimo in bocca al lupo, sottolineando l’universalità e la magia della musica “in termini esperenziali e di importanza per il patrimonio artistico del nostro Paese”. “Dopo lo stop forzato del Covid – chiude Landolfi – abbiamo bisogno tutti, noi artisti e il pubblico appassionato, di riappropriarci di vibrazioni e sensazioni che la lirica, e la musica in generale, sanno regalare. Che sia un nuovo inizio per la promozione e la valorizzazione della cultura e della tradizione dell’opera lirica”.

About author

You might also like

Arte

Pompei svelata, il fotografo Luigi Spina entrerà in ogni domus

Luigi Fusco – È di Luigi Spina il progetto fotografico “Interno Pompeiano e Archivio dello Spazio”, ideato per narrare l’anima di Pompei. La ricerca artistica verrà condotta dal fotografo sammaritano

Cultura

Cento anni … di magica amicizia, omaggio a Fellini e Sordi

Claudio Sacco -All’Anfiteatro Campano omaggio a Alberto Sordi e Federico Fellini. E’ per questa sera alle ore 21 l’appuntamento. L’iniziative nasce per la doppia ricorrenza dei cento anni dalla nascita:

Editoriale

Caserta Obesity Day, la prevenzione si fa nel cuore della città

Maria Beatrice Crisci  – L’Obesity Day è la campagna di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione dell’obesità e del sovrappeso, promossa ogni anno il 10 ottobre dall’Associazione Italiana di Dietetica