Alla Libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere una sera con “Lolita”

Alla Libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere una sera con “Lolita”

Ultima tappa, prima delle vacanze, per il ciclo di incontri “Matti per i classici” nella Libreria Spartaco di via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere. Martedì 19 luglio, alle ore 19, gli amanti della letteratura più bella di tutti i tempi s’incontreranno per parlare di “Lolita”, capolavoro di Vladimir Vladimirovič Nabokov. Sarà inoltre l’occasione per scegliere il “classico” da leggere durante le ferie. Un appuntamento da non perdere per condividere l’amore per i libri.

Il romanzo narra la storia di un insegnante quarantenne di letteratura francese, Humbert Humbert, che decide di trasferirsi nella piccola città di Ramsdale in New England. Dopo aver affittato una stanza presso la vedova Charlotte Haze, arriva l’incontro della sua vita con la figlia dodicenne Dolores (chiamata anche Lo, Lola o Dolly). Si invaghisce perdutamente della ragazzina che le ricorda il suo primo amore adolescenziale purtroppo scomparso prematuramente, la bella Annabelle. Durante la permanenza di Dolores in un campo estivo, la mamma Charlotte si innamora di Humbert e si dichiara all’uomo. Quest’ultimo decide di convolare a nozze con Charlotte con il solo scopo di impossessarsi anima e corpo della sua bella figlia Lolita. La madre viene in seguito a scoprire le vere intenzioni dell’uomo da un suo diario personale e, delusa, lo minaccia di esporlo ad un pubblico scandalo come “detestabile, abominevole, criminale e bugiardo”. Ma purtroppo Charlotte è colpita da un tragico destino. Mentre si accinge ad attraversare la strada, trovandosi in stato di evidente shock, viene investita e uccisa da un’automobile. Per l’uomo ora la via è completamente libera da ogni ostacolo per vivere a pieno il suo sentimento morboso nei confronti di Lolita. Egli va a prendere la ragazza, che si trova in campeggio; successivamente le rivela della morte della mamma e la invita ad accettarlo come suo patrigno e affidatario. Così, per due anni, tiene prigioniera Lolita e la costringe a diventare la sua amante.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8823 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

“Ruccello per noi”, una no-stop al Teatro Nuovo di Napoli

Autore di culto ed esponente di spicco della “nuova drammaturgia napoletana”, Annibale Ruccello ha saputo dare un contributo unico alla scena teatrale, mescolando alla cultura partenopea gli influssi del teatro d’avanguardia.

Arte

Sete di libertà, donne contro la violenza alla Reggia di Caserta

Luigi Fusco -Giovedì 22 luglio alle 10.30, presso la Sala degli Incontri d’Arte degli Appartamenti Storici della Reggia di Caserta si terrà la conferenza stampa di presentazione del progetto e

Attualità

Dieci anni di Buone Notizie, il premio della Civitas Casertana

Maria Beatrice Crisci – Il premio Buone Notizie festeggia quest’anno dieci anni. Il premio ha lo scopo di segnalare all’opinione pubblica giornalisti e comunicatori che, nella loro carriera e nell’impegno