Cambia colore la Campania. Riapre il Bosco di Capodimonte

Cambia colore la Campania. Riapre il Bosco di Capodimonte

Luigi Fusco

-Un timido segnale di ripresa delle attività dei beni culturali e paesaggistici si intravede all’orizzonte. Con il passaggio della Campania da zona rossa ad arancione, lunedì 19 aprile riaprirà ai visitatori il Real Bosco di Capodimonte. Fino al venerdì, secondo i consueti orari dalle 7.00 alle 19.30, il grande giardino storico e più propriamente l’area boschiva dell’antico complesso borbonico potranno essere fruiti, sempre nel rispetto delle norme anti-covid: dall’uso della mascherina al distanziamento sociale ed evitando qualsiasi tipo di assembramento.

Percorribili saranno il Belvedere, lo Spianato intorno al Palazzo Reale, il Giardino dei Principi, il viale centrale del Giardino tardo-barocco e i viali adiacenti saranno destinati esclusivamente ai pedoni.

Come previsto dalle ordinanze regionali in materia di diffusione del virus, saranno permesse le attività di corse e jogging purché siano praticate dalle 7.00 alle 9.00 del mattino. Gli stessi runners saranno invitati a svolgere attività sportiva amatoriale nel cosiddetto “percorso vita” contraddistinto da apposita segnaletica. Non saranno permessi sport da contatto come rugby, cricket e calcetto. Saranno, inoltre, vietati i picnic. In compenso, si potrà andare in bici, in maniera moderata e rispettando il distanziamento di 2 metri. Anche i cani potranno godere del verde di Capodimonte, nell’area a loro destinata e rispondente allo spazio antistante la “Fagianeria”.

Non solo prescrizioni, ma anche alcune piacevoli novità. Con la riappropriazione del Bosco di Capodimonte, il pubblico potrà godere di 20 ettari in più stanti nell’area posta verso la Vaccheria San Gennaro. I recenti lavori di restauro, inaugurati nell’autunno del 2018, hanno consentito il recupero storico delle spalliere vegetali dei viali e di tutte le architetture vegetali, ripristinando l’impianto scenografico originario comprensorio di rarità botaniche, specie esotiche e sculture settecentesche.

Nel migliorare la qualità degli spazi e la fruizione del parco sono state, poi, integrate 150 panchine, 4 nuovi spazi picnic, 110 cestini per la raccolta dei rifiuti e 30 cestoni in legno più capienti nelle aree di maggiore permanenza.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 153 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Ercolano. Pronto alla riapertura anche il Parco Archeologico

Luigi Fusco -Il 30 aprile prossimo riaprirà il Parco Archeologico di Ercolano, chiuso per lungo tempo a causa delle disposizioni in materia epidemiologica. L’antica cittadina vesuviana ritornerà quindi ad accogliere

Primo piano

Torna alla Reggia il quadro di Casanova, fratello del seduttore

La Reggia di Caserta ha accolto il rientro di cinque opere. I quadri, dal 1963, erano collocati presso i Saloni (all’epoca di proprietà della Scuola Nazionale dell’Amministrazione) al piano nobile del Palazzo Reale.

Cultura

Il nuovo brano della cantautrice D’Aria, “Il Sole in Faccia”

Parte dello scenario del videoclip musicale è stato girato presso la casa circondariale di Arienzo, nel casertano, che ha aperto le porte alla ideazione e produzione dell’etichetta ‘Suono Libero Music’

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply