Carnevale è morto, viva Carnevale. Il lamento che si fa osceno

Carnevale è morto, viva Carnevale. Il lamento che si fa osceno

Augusto Ferraiuolo

La Morte di Carnevale allo Spazio Corrosivo di Marcianise

La Morte di Carnevale allo Spazio Corrosivo di Marcianise

– La Lamentazione per Carnevale Morto è un rituale carnevalesco molto diffuso anche in Campania. A Marcianise come a San Marco Evangelista, Maddaloni, Arienzo e Tuoro, ma è una forma di teatro popolare estremamente conosciuta.

A Marcianise in un cortile il fantoccio di paglia rappresentante carnevale con tanto di abito e cappello viene adagiato su un catafalco. Tra le gambe del fantoccio un bottiglione di vino e delle salsicce. Intorno al “feretro”, alcune donne. Aria mesta e facce contrite. La rappresentazione è un immediato riferimento alla veglia funebre e quando una delle donne intona la sua lamentazione il riferimento alle prefiche e quindi ai rituali funebri si completa.

Carnevale è muorte pe’ nun vere’ ‘o sturte I’ gioia so chille mo more ‘e collera. È ovviamente solo l’inizio. Carnevale carnevaletto t’hanne mise ‘ngopp’’o cavalletto. Poi i canti diventano via via più ironici e sarcastici, in cui i riferimenti alimentari e sessuali, comunque grotteschi, si susseguono con maggiore intensità. E non può che essere così. La trasgressione carnevalesca ha proprio in queste tematiche la sua maggiore forza. Carnevale è muort e s’è magnate tutt ‘e sasicce. Oppure, Carnevale mio si’ muort grass e sole baccala’ mo me lasse. Si nomina l’innominabile, l’osceno e il proibito. Ovviamente la salsiccia tra le gambe del fantocccio non ha solo un significato alimentare. E questo consente una serie di dichiarazioni dove il doppio senso la fa da padrone. E molto spesso il doppio senso viene fatto completamente cadere: Carnevale è muorte ma ancora ritt ‘o ttene. Il processo di “umanizzazione” del Carnevale si completa poi con il conferimento del nome: Carnevale si chiamava Austine, ten’’e palle chine ‘e vine, oppure Carnevale si chiamava Vicienze ten ‘o pesce r’oro e ‘i pall ‘e argiente. Al termine delle lamentazioni frequentemente inizia una tammurriata: da qualche parte un tamburo comincia il ritmo, sostenuto dalle castagnette e la danza prende corpo.

In alcuni luoghi, come per esempio Montemarano, in Irpinia, la morte di Carnevale ha luogo non il Martedì Grasso ma la domenica successiva e si conclude con il falò purificatore su cui viene posto il fantoccio.

Una piccola nota antropologica: molti (e va ricordato il compianto Annibale Ruccello) hanno messo in relazione il Carnevale non solo con l’osceno alimentare o erotico ma soprattutto con l’osceno della morte. Una morte rituale che viene purificata dal fuoco e che prelude alla rinascita primaverile, in quella ciclicità tipica del mondo folklorico.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Ciao, Lina Wertmüller! Girò alla Reggia Ferdinando e Carolina

Maria Beatrice Crisci (Ph Ciro Santangelo) -Aveva scelto la Reggia di Caserta per girato nel 1999 “Ferdinando e Carolina”. Si è spenta oggi all’età di 93 anni la regista Lina

Comunicati

FaziOpenTheater, a Capua in scena la compagnia Vulie Teatro

Alessandra D’alessandro -“FaziOpenTheater 2021-2022” conclude la stagione con il tredicesimo spettacolo “Semi-Peccato l’amore platonico non esiste”. Una rappresentazione teatrale della compagnia “Vulie Teatro” di Casagiove che attraversa la vita di

Spettacolo

La Musica è Dipinta, il concerto di fine estate è al Belvedere

Emanuele Ventriglia (ph Pino Attanasio) -Pietro Condorelli, Kamale Ngoni, Gennaro Vitrone, Tullio Pizzorno e i Nantiscia. Questi gli artisti protagonisti dell’evento «La Musica è Dipinta» in programma il 16 settembre