Castello di Casertavecchia, qui la chioccia con i pulcini d’oro

Castello di Casertavecchia, qui la chioccia con i pulcini d’oro

Luigi Fusco

– «Riente ʼu turrione ʼe coppa Caserta ce sta ʼnterrate nu tesore: ʼa voccola cu i pucine r’ore. Tutte quanne l’hanne jute cercanne, pecché chi ʼa trove s’adderizze l’osse isse e tutte ʼa discennenza suie».

È l’incipit della leggenda della Chioccia dai pulcini d’oro della Torre di Casertavecchia, la cui versione integrale venne raccolta, anni addietro, dall’antropologo casertano Augusto Ferraiuolo nel suo libro Fiabe e racconti popolari casertani.

Le radici di questa immaginifica narrazione si perdono un po’ “nella notte dei tempi”, per quanto la sua dimensione fiabesca sia realisticamente riconducibile al castello dell’antica Casahirta, tra le più interessanti architetture di età medioevale presenti in Terra di Lavoro. Il suo impianto originario è difatti databile intorno all’anno 861, al tempo del conte capuano Pandolfo Capodiferro, appartenente alla famiglia longobarda dei Landolfidi. Tra quest’ultimi e la leggenda precedentemente richiamata corre una profonda relazione, in cui è possibile tracciarvi non pochi elementi critici e testuali riferibili alla tradizione orale e visiva dei primi longobardi discesi in Italia.

Al riguardo, immediato è l’accostamento tra la “fiaba casertana” e la Pitta di Teodolinda, cioè la chioccia con i sette pulcini, grande capolavoro di oreficeria, realizzato in argento dorato e pietre preziose, oggi conservato nel Museo del Tesoro del Duomo di Monza.

Stando alle fonti conosciute, l’opera risalirebbe al VI secolo e pare sia appartenuta alla regina Teodolinda, moglie, prima, del re longobardo d’Italia Autari e, dopo la morte di questi, di Agilulfo, duca di Torino.

Per quanto il soggetto della chioccia simboleggi il rinascere della vita, attorno ad esso vi sono, poi, nate numerose storie che, con il passar del tempo, si sono diffuse in altri territori italiani, mantenendo, inoltre, il medesimo filo narrativo: la scoperta di un tesoro nascosto all’interno di una fortezza.

Oltre Casertavecchia, leggende simili sono state rinvenute in Puglia e in Calabria e, secondo alcuni studiosi, la memoria di questi racconti è da ricercare anche nell’antica cultura romana, così come in quella greca.

Tale ipotesi dimostra come è possibile tracciare una linea del tempo e innestarvi su di essa alcune tradizioni orali, come quella casertana, che, nonostante il trascorrere dei secoli, hanno mantenuto intatto il loro impianto testuale, per quanto nella loro divulgazione si sia passati dall’impiego di lingue volgari a veri e propri dialetti nostrani.

Al di là di ogni aspetto linguistico, se non anche antropologico, la chioccia dai pulcini d’oro ha oltremodo detenuto la sua valenza di oggetto magico, magari invocato per la soluzione di un problema reale o come dicevano i nostri avi pe’ s’adderizze l’osse isse e tutte ʼa discennenza suie.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6358 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Pet

Befana dei pelosi a Caserta, doni per amici a quattro zampe

Claudio Sacco – La Befana dei pelosi. Ebbene sì, l’Epifania arriva anche per gli amici a quattro zampe. L’appuntamento è per domani venerdì 4 gennaio dalle ore 11 alle 22 in largo

Cultura

“Flow” dalla Reggia a YouTube, ecco l’opening di Max Coppeta

Pietro Battarra – E’ l’Associazione Culturale Internazionale ART1307 a presentare il video – documento dell’inaugurazione dell’opera FLOW di Max Coppeta esposta presso la Reggia di Caserta. La scultura cinetica Flow, appartenente

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply