Covid. Sportello Salute Anci, Salvatore: “Quanto tempo perso”

Covid. Sportello Salute Anci, Salvatore: “Quanto tempo perso”

Antonio Salvatore *

Analizzando l’exursus dei decreti e delle ordinanze emanati per fronteggiare la emergenza da Covid-19, appare evidente la superficialità ed il ritardo con cui la stessa è stata affrontata. Giova ricordare che il Decreto Legge 19 maggio 2020 n. 34 accoglie, tra l’altro, disposizioni in materia di Riordino della Rete Ospedaliera, in relazione all’emergenza da Covid-19. Per l’attuazione del Piano di Riordino, il Commissario Straordinario, nominato con DPCM 18 marzo 2020, può delegare i suoi poteri ai Presidenti di Regione che, conseguentemente, agiranno quale Commissari Delegati, nel rispetto, però, delle direttive e delle tempistiche stabilite dal Commissario Straordinario. La delega trova la sua causa nella “varietà” degli interventi regionali (acquisizione delle attrezzature medicali per l’allestimento dei posti letto per terapia intensiva e sub intensiva, dei veicoli attrezzati per il trasporto dei pazienti Covid-19, per l’adeguamento e/o la ristrutturazione delle aree mediche e del pronto soccorso). Ebbene, il Presidente della Regione Campania è stato nominato “Commissario Delegato” con Ordinanza del Commissario Straordinario n. 28, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 14 ottobre 2020. Il Governatore, da questa data, dovrà compiere le seguenti attività delegate:
(1) aggiornare la pianificazione operativa degli interventi strutturali;
(2) nominare i soggetti attuatori;
(3) ottenere le autorizzazioni amministrative;
(4) esperire le procedure ad evidenza pubblica per beni e servizi;
(5) realizzare le opere e collaudarle;
(6) produrre la reportistica delle attività. Tutto ciò dovrà avvenire in piena emergenza. Inoltre, par d’uopo ricordare che
ogni implementazione strutturale e tecnologica necessita di un’organizzazione tecnica e scientifica adeguata. A questo punto, due sono le ipotesi: o il virus SARS-CoV-2 ha una virulenza che consente di perdere tempo, o le restrizioni – adottate e adottandi – hanno il solo scopo di “recuperare” il tempo perduto,
con la speranza che nel frattempo la pandemia non diventi irreversibile. Una cosa è certa: la prima fase l’abbiamo subita, la seconda l’abbiamo di certo favorita. Ma poiché a pagarne le conseguenze sono le attività economiche, le autorità governative dovranno prevedere adeguate misure di ristoro.

*Il Direttore Scientifico e Responsabile dello Sportello Salute

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Camera di Commercio, De Simone: “Verso il 2021 con fiducia”

Claudio Sacco -«I numeri purtroppo non sono confortanti, però la CCIAA sta facendo la sua parte mettendo in campo tutti gli strumenti a sostegno del mondo produttivo della provincia di

Primo piano 0 Comments

#guardiamoSanremo, ma il cuore batte per Avitabile e Servillo

Enzo Battarra – Sarà Sanremo anche oggi 10 febbraio, ultima serata. Si decide la canzone vincente. È stato il festival di Claudio Baglioni, ma nello schermo ha brillato la stella di

Editoriale 0 Comments

Un morso alla sfogliatella riccia, il dolce inventato dalle suore

Luigi Fusco – Tra i dolci tipici della tradizione pasticcera napoletana un posto di riguardo è, certamente, riservato alla sfogliatella. Insieme al babà e alla pastiera forma un trittico dolciario

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply