D’Amelio e Ciambriello a pranzo con le detenute e i loro bimbi

D’Amelio e Ciambriello a pranzo con le detenute e i loro bimbi

Claudio Sacco

– Il garante dei detenuti, Samuele Ciambriello, insieme alla presidente del Consiglio, Rosetta D’Amelio, ha visitato per la seconda volta l’Istituto di custodia attenuata per le mamme con i bambini di Lauro, in provincia di Avellino. Ad accoglierli Paolo Pastena, Direttore del Carcere di Avellino e dell’Icam di Lauro, le volontarie della cooperativa il Quadrifoglio insieme alla responsabile Lidia Ronghi e la funzionaria della Polizia Penitenziaria. Una visita che è iniziata con il cappellano Padre Carlo De Angelis che ha celebrato la Santa Messa. Poi l’incontro affettuoso con le detenute e i loro figli nel quale la Presidente D’Amelio ha voluto sottolineare “la premura di valorizzare l’esperienza di una struttura accogliente soprattutto per i minori”. D’Amelio ha donato ai piccoli i giocattoli, mentre Ciambriello i vestiti. Infine il pranzo, conviviale, festoso, come si fa in tutte le case in questi giorni natalizi.

WhatsApp Image 2017-12-28 at 20.15.27“Dedicare due ore qui, stare con voi e con i piccoli, vale di più che stare dieci ore a discutere nelle nostre riunioni”. Si rivolge così alle detenute la presidente D’Amelio, al termine della visita. Le risponde a nome di tutte Marcella, 36 anni, detenuta di Casalnuovo, 3 figli, di cui una, la più piccola di 4 anni, a Lauro con lei. “La ringrazio a nome di tutte, perché per un giorno, non ci ha fatto sentire detenute”.

L’Icam di Lauro è l’unica struttura del Mezzogiorno che può accogliere sino a 35 donne detenute con i loro figli. Attualmente ci sono 7 donne e 9 bambini da 1 a 4 anni. “Ero stata qui molti anni fa –  ricorda D’Amelio – e non avevo trovato una situazione paicevole. Oggi, con i lavori che sono stati fatti ho trovato una condizione a dimensione umana, con la quale è possibile lavorare affinché queste ragazze non tornino più qui, una volta scontata la loro pena. E’ una struttura che può essere d’esempio anche per altre regioni, solo a Milano c’è un’altra struttura simile, al Sud siamo gli unici e dobbiamo esserne fieri. Come Regione stiamo lavorando per essere ancora più vicine alle detenute e sostenerle nel loro compito di madri, anche con l’aiuto di educatrici e volontarie”.

“Quella Di lauro è un’esperienza molto significativa. Faccio un appello – ha affermato Ciambriello – nelle ciWhatsApp Image 2017-12-28 at 20.15.22nque case circondariali femminili, o nei reparti femminili delle carceri della Campania e della Puglia si possono verificare le condizioni per trasferire qui donne detenute che hanno figli fino a sei anni. E’ un’azione importante per migliorare le condizioni di vita in carcere. Come Garante sto lavorando su questo aspetto e, come ha detto la Presidente D’Amelio, per incentivare la presenza di educatrici e operatori nel carcere. Proprio pochi giorni fa – ha continuato Ciambriello – abbiamo presentato e fatto approvare all’Ufficio di Presidenza un progetto che partirà a fine gennaio che prevede l’attivazione di forme di babysitteraggio per le detenute che hanno anche il bisogno di tempo da dedicare a se stesse”.

“Torneremo – hanno promesso D’Amelio e Ciambriello – per aiutarvi e per far sì che i vostri bambini si sentano accolti e seguiti”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9686 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Quartieri spagnoli, a Caserta lo spettacolo di Gianfranco Gallo

“Quartieri spagnoli” a Caserta. Doppio appuntamento per i “30 Allora” al Teatro della Pace della parrocchia del Santissimo Nome di Maria di Puccianiello, a Caserta. La compagnia dello  Spazio  Méliès di Recale debutterà

Arte

Ottava giornata delle PMI. Giovanni Bo presenta l’evento

Luigi D’Ambra – Sarà presentato in conferenza stampa domani mercoledì 15 novembre alle ore 11 presso la sede di Confindustria Caserta l’ottava Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese, a cura di “Piccola 

Primo piano

Calvi Risorta, prima visita guidata al Castello Aragonese

(Redazione) – Gli attivisti della Rete ArcheoCales danno appuntamento domenica 7 agosto, alle ore 10, dinanzi alla cattedrale di San Casto per la prima visita guidata al Castello Aragonese di