Ecco l’antiquariam di Pompei, spazio espositivo e visitor center

Ecco l’antiquariam di Pompei, spazio espositivo e visitor center

Luigi Fusco

– Da lunedì 25 gennaio riaprirà i suoi battenti l’Antiquarium di Pompei, completamente rinnovato nel suo allestimento museale. Inserito all’interno dell’area archeologica, tale struttura ospita al suo interno una ricca collezione di reperti, la cui visione e conoscenza contribuisce a comprendere ulteriori aspetti legati alla vita e alla storia dell’antica città distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 dC.

Per l’occasione, l’Antiquarium è stato dotato di un nuovo spazio totalmente modernizzato, ma che, al contempo, evoca la prima sistemazione museale approntata da Amedeo Maiuri. Questo nuovo percorso fungerà da elemento introduttivo all’antiquario stesso. Già nel 2016, l’esposizione permanente di questa piccola istituzione pompeiana era stata riaperta al pubblico, dopo ben 36 anni di chiusura avvenuta a causa del sisma del 1980. La sua originaria fondazione risaliva agli anni Sessanta dell’Ottocento. Voluto da Giuseppe Fiorelli, all’epoca direttore degli scavi del sito, per raccogliere al suo interno alcuni reperti ritrovati nel corso delle indagini archeologiche, l’Antiquarium venne destinato anche alla raccolta dei primi calchi in gesso delle vittime del Vesuvio, la cui tecnica venne inventata dal Fiorelli stesso. Il suo scopo era rivolto alla creazione di un museo adibito all’esposizione di elementi significativi relativi alla quotidianità vissuta nell’antica città vesuviana. La sua struttura venne innalzata al di sotto del Tempio di Venere, con affaccio su Porta Marina. Distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, venne ricostruito, a partire dal 1948, secondo nuovi principi museografici.

L’odierno Antiquarium non è soltanto uno spazio espositivo, ma anche una sorta di visitor center, quindi un luogo fisico in cui vengono fornite informazioni ai turisti che, al contempo, possono ammirare le ampie raccolte di ritrovamenti di vario genere, a loro volta inserite in contesti multimediali che consentono al visitatore di immergersi nella storia della cittadina, partendo dalle sue origini, risalenti al VI secolo aC, fino a giungere alla drammatica eruzione del 79 dC.

I vari reperti sono distribuiti tra il piano terra e il primo piano. In particolare, appena entrati, i visitatori entrano in contatto con statue di terracotta o con gli ambienti dedicati alla Pompei sacra, dove sono presenti i doni che venivano offerti ai vari santuari stanti in città o nelle aree extraurbane. Al primo piano, posto sulla terrazza panoramica che si staglia verso il Vesuvio, vi è un plastico con proiezioni in image mapping e ricostruzioni in 3D dell’antico centro pompeiano, in cui sono ben illustrate le sue strade, i suoi templi, i suoi complessi termali e le sue magnifiche abitazioni. Nello stesso ambiente vi è, inoltre, un’installazione dell’eruzione del Vesuvio. All’interno dell’Antiquarium vengono anche promosse mostre temporanee ed è presente un fornito bookshop con volumi dedicati alla storia e agli scavi archeologici di Pompei e del resto dell’area vesuviana.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6975 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Il Liceo Manzoni è “con la scuola”, coordina il progetto la Luiss

– È il liceo Alessandro Manzoni di Caserta uno dei venti istituti italiani selezionati per partecipare all’ambizioso progetto nazionale «Con la scuola»: si tratta di un ambizioso percorso formativo di

Arte

Sparaco, il genio della civitas. La targa in sua memoria

(Beatrice Crisci) – “Andrea Sparaco era un genio dell’arte, era un genio dell’amicizia e deve diventare un grande genio della civitas”. Con queste parole il vescovo emerito Raffaele Nogaro ha

Primo piano

Università Luigi Vanvitelli, la Sun cambia nome

“L’Ateneo necessitava di una nuova identità. Nell’ultimo decennio abbiamo infatti consolidato e radicato la nostra presenza sul territorio, ed è per questa ragione che sin dall’inizio del mio mandato ho

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply