EchinoDesign, mostra internazionale a Città della Scienza

EchinoDesign, mostra internazionale a Città della Scienza

Luigi Fusco

EchinoDesign è il titolo della mostra internazionale presentata lo scorso 24 febbraio presso Città della Scienza a Bagnoli.  Promossa dal Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e dalla stessa Città della Scienza, l’esposizione mette insieme design, arte e scienza secondo una visione biomimetica, disciplina che analizza le fonti d’ispirazione che sono tratte da principi, logiche morfologiche e strutture osservate in natura per la progettazione di tecnologie e artefatti innovativi. La mostra include prodotti di design, artistici e scientifici che proprio grazie alla biomimetica vengono a caratterizzarsi dal punto di vista biologico, come nel caso degli echinoidi, i cosiddetti ricci di mare, osservati sotto vari aspetti e tramite diversi livelli di indagine morfologica, generativa, strutturale, materica, dinamica e compositiva.

L’allestimento dell’esposizione è stato possibile grazie alla sinergia che si è venuta a creare tra designer, artisti, ingegneri e scienziati che, in fase programmatica, hanno suggerito idee e concept di artefatti ispirati agli echinoidi. Le proposte avanzate sono state poi valutate e selezionate dai curatori della mostra ed esaminate da un Comitato Scientifico multidisciplinare composto da esponenti del design, dell’ingegneria e della scienza di rilievo internazionale.  Una vera e propria “chiamata alle arti e al design d’innovazione” è stata successivamente messa in campo, in quanto al bando relativo alla mostra, sostenuto da una precipua call, hanno risposto numerosi designer, artisti e scienziati provenienti da varie parti del mondo, tra cui Brasile, India, Germania, Spagna, Palestina e Francia. 

Alcuni dei progetti presentati sono stati realizzati attraverso il coinvolgimento di aziende campane di eccellenza come Spouf e Sixim Lab, in un’ottica di trasferimento tecnologico e terza missione. Tra i prodotti esposti vi sono lampade, ausili biomedicali, arredi multifunzionali, gioielli, dispositivi comunicativi, accessori e materiali inediti, la cui esecuzione è stata possibile in virtù delle scoperte acquisite nel corso di recenti ricerche scientifiche. Nel corso della visita alla mostra, che resterà a Città della Scienza fino al 24 aprile prossimo, il pubblico potrà usufruire di una singolare esperienza multidisciplinare e multisensoriale che consentirà, soprattutto alle persone meno avvezze, di immergersi nel suggestivo mondo degli echinoidi e di comprenderne sia l’incredibile valore ambientale sia le potenzialità di ispirazione per la creazione di nuovi artefatti.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 789 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Il Patrimonio dell’Umanità: siti Unesco in Italia Meridionale

“La cultura dell’associazionismo in provincia di Caserta, a dispetto di una classe politica in attesa, è il vero artefice del nuovo Rinascimento (socio-economico, civile e culturale), da più parti invocato.

Comunicati

Real Sito Carditello. Nicolais, buon lavoro ai nuovi direttori

-Il presidente Luigi Nicolais e il CdA della Fondazione Real Sito di Carditello augurano buon lavoro al nuovo direttore generale, Giuseppe Russo, e al nuovo direttore tecnico, Carmine Basco. Il direttore Russo, insediato nella giornata di ieri,

Primo piano

Parole macedonia che sfuggono al controllo: il caso apericena

(Claudio Grimaldi)  Parola macedonia dal significato trasparente e dal genere non ancora stabilizzato, indicata da Cortelazzo come tra quelle maggiormente usate nel 2013, l’apericena indica l’aperitivo con stuzzichini vari che