Ferraiuolo ha raccontato favole, Civico 14 ne fa videoracconti

Ferraiuolo ha raccontato favole, Civico 14 ne fa videoracconti

Maria Beatrice Crisci

Roberto Solofria

-A partire dal 24 dicembre inizia il progetto «I racconti meravigliosi», ovvero fiabe e storie popolari casertane raccolte dall’antropologo Augusto Ferraiuolo in collaborazione con Mutamenti / Teatro Civico 14 e Brillante Massaro di Matutae Teatro. Sulla pagina social dedicata a «I racconti meravigliosi» si vedranno le fiabe videoregistrate singolarmente. Le fiabe e i racconti, ad accesso gratuito,  che saranno proposti sono quelli pubblicati nel corso degli anni da Ferraiuolo.

 «Non esiste, non è mai esistito in alcun luogo – dice il professore Ferraiuolo, docente a Boston – un popolo senza racconti. Tutte le classi, tutti i gruppi umani hanno i loro racconti e spesso questi racconti sono fruiti in comune da uomini di culture diverse, talora opposte: il racconto si fa gioco della buona e della cattiva letteratura: internazionale, trans-storico, trans-culturale, il racconto è come la vita». Lo staff di Mutamenti / Teatro Civico 14 sottolinea: «Il primo racconto sarà “Ce steva ‘n’omme” ed è affidato a Roberto Solofria. Ogni settimana la lettura sarà affidata a un attore diverso e le musiche saranno di Luca Rossi».

Così Augusto Ferraiuolo presenta il progetto: «In primis, va sottolineato il carattere di gioco: quanto proposto non ha la pretesa di una riflessione critica, ma vuole semplicemente riunire persone intorno al focolare mediatico rappresentato da internet, che si producono in uno storytelling, anch’esso mediatico, raccontando narrazioni che in differenti momenti sono state raccolte nel corso della mia attività di etnografo nella zona casertana. La pretesa di unicità/eccezionalità di tali narrazioni è stata già ampiamente smontata nelle edizioni pubblicate e qui indicate in bibliografia. È opportuno in ogni caso ricordare che il localismo e l’identità, termini pericolosi e ambigui, non vanno confusi con il senso di collettività. Questo ha a che fare con quella che si definisce sanzione collettiva: se ho potuto registrare nel corso delle mie ricerche delle narrazioni è perché tali narrazioni sono state accettate e selezionate all’interno di una comunità che trasmette ciò che ritiene di interesse, nel pieno rispetto filologico di tradizione, vale a dire il passare ai posteri».

Ferraiuolo ancora evidenzia: «Va marcato che le persone coinvolte in questo progetto appartengono a una rete sociale già costituita. In altri termini, si tratta di amici, conoscenti, compagni di cordata e/o di sventura, che aderiscono a questo gioco. Se è vero che non c’è alcun fine didascalico, filologico o analitico, è pur vero che la funzione di recupero e fissazione della memoria è auspicabile e, in fondo, inevitabile. Questi racconti, nati all’interno di una trasmissione orale della conoscenza diventano obsoleti in una nuova formazione sociale che ha modalità e stili narrativi specifici e certamente diversi. La loro riproposta in un linguaggio mediatico contemporaneo aiuta a preservarli, sia pure con tutta una seria di limiti teorici tipici di ogni processo di traduzione; e la riproposizione di questi racconti attraverso video e canali social è inevitabilmente una traduzione, con un forte grado di tradimento. Forse è anche inutile ricordare che gioco, collettività, rete sociale, recupero e fissazione della memoria sono tra le funzioni portanti della narrativa folklorica. Il cerchio, quindi, si chiude, in una riproposta assolutamente diversa dall’oralità di partenza, ma profondamente rispettosa della struttura profonda di tale narrazione, in un’ottica di contemporaneità».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6975 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Nadia Verdile regina tra dieci Regine, è suo il Premio Virgilio

“Regine. Spose bambine, eroine e sante dall’Europa alla corte di Napoli” di Nadia Verdile vince il Premio Letterario Publio Virgilio Marone come migliore opera saggio. Promosso da Dialogos in collaborazione

Primo piano

A Eataly Roma le tipicità dell’Alto Casertano. Un successo!

L’Alto Casertano conquista Eataly. Fino al 7 agosto, il Gal Alto Casertano, il gruppo di azione locale che abbraccia ben 48 Comuni della provincia, e Fattorie Montane, il consorzio che

Comunicati

Teresa Sparaco, il soprano vicino alle istituzioni al tempo del Covid

In questo particolare periodo di emergenza sanitaria, il soprano internazionale Teresa Sparaco, eccellenza casertana della lirica, ambasciatrice della canzone classica lirica napoletana in Tashkent Repubblica dell’Uzbekistan, Membro d’Onore e Delegato

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply