Fratelli in versi. Al Teatro Festival Luigi e Martino Lo Cascio

Fratelli in versi. Al Teatro Festival Luigi e Martino Lo Cascio

-È dedicata interamente all’inaugurazione della Sezione Letteratura, a cura di Silvio Perrella, la giornata del 5 luglio al Campania Teatro Festival diretto da Ruggero Cappuccio.  Nella Villa Floridiana di Napoli, alle 18 al teatrino di Verzura, Luigi e Martino lo Cascio daranno vita a “Fratelli in versi”, primo appuntamento della rassegna organizzata da Vesuvioteatro con il coordinamento di Brigida Corrado.  
Luigi Lo Cascio, attore di sempre maggiore intensità, ama e coltiva le arti del leggere e dello scrivere. Martino Lo Cascio, psicologo attentissimo all’aspetto sociale della comunicazione, ama scrivere libri che battezzano comunità di persone e d’idee. Si incontrano, pur essendo “di…versi” nei tratti e nei gesti, sulle strade della poesia.  Due fratelli, e non a caso “Due” è il titolo della sezione Letteratura di quest’anno, un filo conduttore per testimoniare il valore fondamentale della relazione, senza la quale,
come scrive lucidamente Silvio Perrella presentando la rassegna, “si è nulla, meno di uno, meno di zero”.  
Gli eventi della sezione Letteratura andranno avanti alla stessa ora e nello stesso
luogo fino al 9 luglio, data di conclusione del Festival. Dopo i fratelli Lo Cascio, “io
può essere ancora una volta un altro”, per usare l’illuminante espressione di Arthur
Rimbaud: “Un altro che è in me e un altro che non sono io e che inseguo per le
strade del mondo”. E dunque, come da felice intuizione del curatore, “può essere una
delle due parti di una coppia, composta di due esseri linguistici costretti all’esilio, ma
strenui e costanti abitatori della loro lingua natale. Può essere un traslocare sé stessi
dalla poesia alla prosa e viceversa; sapendo bene che le parole, a seconda della loro
torsione e disposizione, conducono in territori inaspettati. Può essere la lunga
coabitazione con un poeta-maestro, da andare a trovare nella sua casa, studiandone
inclinazioni e passioni, facendosene interpreti, dialogando nell’infinito delle
voci. Può essere un farsi carico di una lingua diversa dalla nostra e provare e
riprovare a rimetterla in sesto sotto le campate di un edificio che va riedificato ogni
volta da capo e con infinita pazienza”. Possono essere, dunque, Paolo Lagazzi e
Attilio Bertolucci (6 luglio), Rosita Copioli e Giacomo Leopardi (7 luglio), Elisa
Ruotolo e Antonia Pozzi (8 luglio), Carmen Yanez e Luis Sepulveda (9
luglio). Due, quindi. Quel due dal quale, come spiega ancora Perrella, alcuni fisici
contemporanei fanno scaturire l’origine del mondo; il primo, necessario passo verso
la relazione. “L’altro sta con me come un’ombra; mi segue; m’insegue; mi osserva;
mi lascia improvvisamente solo”.      
Sul sito campaniateatrofestival.it sono consultabili le promozioni ed è possibile
acquistare i biglietti per gli spettacoli. Il Campania Teatro Festival, parte rilevante della rete Italia Festival e dell’EFA (European Festival Association), è finanziato dalla Regione Campania e si avvale anche di un contributo annuo del Ministero della Cultura per il suo schema
multidisciplinare.

Comunicato stampa

About author

You might also like

Comunicati

Pizza Expo, cresce l’attesa per il duo youtuber DinsiemE

-L’annuncio a una settimana dall’evento è di quelli che farà impazzire di gioia i più piccoli: a fare da apripista alla quinta edizione di Pizza Expo Caserta, in programma dal 13 al

Primo piano

Profumo di mele zuccherate, Santa Matrona è stata rispettata

Luigi Fusco – Nonostante il persistere della pandemia da coronavirus, i fedeli di San Prisco e dei Comuni limitrofi sono accorsi in gran numero presso la parrocchia di Santa Croce

Comunicati

Tubercolosi, esperti a confronto all’Ospedale di Caserta

(Comunicato stampa) -La tubercolosi, indicata dall’OMS come un’emergenza di sanità pubblica a livello mondiale, sarà al centro dell’evento scientifico sul tema “Nuove prospettive diagnostiche e cliniche della malattia tubercolare”, organizzato