Grazie, coach! Romano Piccolo lascia un’eredità di racconti

Grazie, coach! Romano Piccolo lascia un’eredità di racconti

Enzo Battarra

-È stato un vagabondo nella città. Ma un vagabondo culturale, un curioso della vita, un uomo innamorato della sua Caserta, amato dai suoi concittadini. Viaggiatore instancabile tra le storie che la città proponeva. Tale era Romano Piccolo, attivissimo fino a qualche giorno fa, fino a quando una sorte improvvisa e dolorosa ha privato la comunità casertana di un suo nume tutelare. E Caserta lo piange perché già mancano a tutti i suoi sorrisi, le sue battute sarcastiche, i suoi racconti.

È stato atleta di primo piano. Poi come allenatore di basket è stato giustamente severo, chiedendo sempre il massimo ai suoi atleti, anche quando erano alle loro prime esperienze cestistiche adolescenziali. E otteneva il massimo, collezionando soddisfazioni e tributi di stima. E stimato era anche come giornalista sportivo. Grazie anche ai suoi articoli il basket era diventato una religione a Caserta. Ondawebtv ha avuto l’onore di averlo come commentatore delle vicende cestistiche con la rubrica «Rifletto, ergo sum».

Ma in un’età ormai matura aveva iniziato le narrazioni cittadine, raccontando la sua Caserta, quella che aveva imparato a conoscere in tutte le sue dinamiche sociali. Nel 2014 aveva pubblicato il suo primo significativo libro su sessant’anni di personaggi e fatti del basket casertano. Era «La città a spicchi», era la Caserta della Reggia del basket. A fine 2016 la pubblicazione di «Racconti da Caserta… Persone, luoghi, avvenimenti e curiosità dal dopoguerra a oggi». L’anno successivo «Il vagabondo, memorie di luoghi e personaggi casertani». Insomma, una trilogia dedicata alla città vanvitelliana.

Questa la rinascita di Caserta a partire dagli anni Sessanta narrata da Romano Piccolo: «È una città che dopo la guerra, i lutti, la paura e la tanta fame accumulata, tentava di tornare a vivere attraverso l’amicizia, l’aggregazione e la risata collettiva. La Caserta di cui parlo io è quella semplice, della gente che l’ha abitata e dei cambiamenti che ha vissuto per oltre la metà del XX secolo e fino ai giorni nostri».

I racconti privati di Romano Piccolo si sono via via mescolati alle evidenze cittadine, mostrando la sua capacità di toccare vari filoni e argomenti, dallo sport alle spigolature di vita quotidiana, ai grandi eventi culturali, ai luoghi della storia e della tradizione, all’ospitalità di ristoranti e bar, alla nascita delle tv private. Restano ora, a parte i tanti ricordi personali, questi suoi libri, utili perché svelano testimonianze e avvenimenti di un’epoca che non è entrata nelle fonti storiche e che non si è potuta avvalere della veicolazione dei social media. Quel vagabondo di Romano Piccolo ha testimoniato l’evoluzione di Caserta, non solo città a spicchi, ma anche scrigno di memorie.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6373 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Giovedì al Museo. La lectio di Massimo Capaccioli

Maria Beatrice Crisci – È giovedì. Si va al Museo Campano. Oggi il protagonista del consueto appuntamento settimanale capuano è Massimo Capaccioli, professore emerito di Astrofisica alla Federico II. La sua lectio avrà come

Food

Benvenuta, estate! Lo chef Giuseppe Daddio da Morsi&Rimorsi

Claudio Sacco – L’appuntamento è per venerdì 23 giugno al bistrorante Morsi&Rimorsi di via G.M. Bosco a Caserta.  L’ospite d’eccezione in cucina, per la terza volta, sarà lo chef Giuseppe Daddio

Primo piano

Bennato conquista il pubblico del Teatro Comunale

Uno spettacolo che ha entusiasmato il pubblico di un Teatro Comunale gremito quello di Edoardo Bennato, che stasera ha infiammato la platea con uno show coinvolgente, nel corso del quale

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply