Halloween, le feste celtiche, il folklore. E poi divenne business

Halloween, le feste celtiche, il folklore. E poi divenne business

Testo di Augusto Ferraiuolo – Disegno di Giancarlo Covino “La Reggia di Halloween”

– Il grande folklorista sir James George Frazer fa derivare la festa di Halloween da quelli che chiama i “festival di fuoco” diffusi in tutta Europa, dove i giovani, in giorni particolari, quando accendevano dei falò per ballare intorno, o, per dimostrare coraggio e forza, vi si lanciavano dentro.

Questi falò erano soprattutto concentrati nel periodo quaresimale e pasquale, fino a quelli che illuminano la notte di San Giovanni, per celebrare il solstizio d’estate.

Halloween cade a metà tra equinozio e solstizio, e corrisponde alla festa che i Celti chiamavano Shamain e il suo doppio è il primo di maggio, altro giorno estremamente importante in chiave folklorica, anch’esso celebrato con l’accensione di fuochi, che nel mondo celtico corrisponde a Beltane.

Gli incendi di Samhain del primo novembre furono associati ai morti, quando i mondi materiali e immateriali durante la notte si trovano in contatto. È interessante notare come fino alla bolla di Gregorio IV, anno 835, la festa di Ognissanti (il termine “Halloween” significa “Tutti i Venerabili” o “Tutti i Santi”) veniva celebrata a maggio, ma passò a novembre, secondo Frazer, proprio a segnare una continuità con la festa celtica, diventando una cristianizzazione del festival celtico dei morti.

La caratteristica fondamentale dell’Halloween moderno è che suggerisce un soprannaturale non negativo e pauroso, ma scherzoso e divertente. I bambini, infatti, si vestono come fantasmi, streghe e vampiri senza paura che questi esseri invisibili possano essere reali o malevoli. Ovviamente non sempre questa visione è accettata, al punto che diverse sette (ad esempio gli evangelici americani) hanno tentato di proibire celebrazioni di Halloween, dicendo che sono la celebrazione (e la semplificazione) di un male che è invece reale e onnipresente.

Quello cui assistiamo in questi anni in Italia è l’importazione di una festa tradizionale, laddove però ogni tratto legato al folklore viene perso. Non c’è spazio per il trick or treat dei bambini vestiti con mille costumi diversi, e nemmeno per le caramelle regalate loro. Non c’è quindi quello spazio di socializzazione verso un sovrannaturale da esorcizzare con scherzi. Rimane, e va precisato subito che non è un giudizio di valore ma una semplice constatazione, l’involucro economico, costellato da mille party in costume in pub o discoteche. Come sempre, il folklore cambia e si reinventa.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6657 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Fragola Art Festival. Il teatro conclude la kermesse di Parete

Claudio Sacco  – Ultimo appuntamento oggi con Il Fragola Art Festival alle 21 nei giardini nobili del Palazzo Ducale di Parete con lo spettacolo «Di bene mi vuole. La favola bella»,

Food

#nonsolopastiera. Chirico punta sull’innovazione

(Luigi D’Ambra) – C’è fermento e aria di novità in casa Chirico. L’azienda campana si appresta a compiere una rivoluzione che intende condividere e celebrare insieme a chef, pasticceri, ospiti

Primo piano

Cars and Coffee, a Riardo una domenica con le supercar

L’anno scorso è stato organizzato il primo Cars and Coffee nel sud Italia. Un esperimento riuscito, che ha dato vita a un evento tra i più coinvolgenti, in cui la

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply