Halloween, le feste celtiche, il folklore. E poi divenne business

Halloween, le feste celtiche, il folklore. E poi divenne business

Testo di Augusto Ferraiuolo – Disegno di Giancarlo Covino “La Reggia di Halloween”

– Il grande folklorista sir James George Frazer fa derivare la festa di Halloween da quelli che chiama i “festival di fuoco” diffusi in tutta Europa, dove i giovani, in giorni particolari, quando accendevano dei falò per ballare intorno, o, per dimostrare coraggio e forza, vi si lanciavano dentro.

Questi falò erano soprattutto concentrati nel periodo quaresimale e pasquale, fino a quelli che illuminano la notte di San Giovanni, per celebrare il solstizio d’estate.

Halloween cade a metà tra equinozio e solstizio, e corrisponde alla festa che i Celti chiamavano Shamain e il suo doppio è il primo di maggio, altro giorno estremamente importante in chiave folklorica, anch’esso celebrato con l’accensione di fuochi, che nel mondo celtico corrisponde a Beltane.

Gli incendi di Samhain del primo novembre furono associati ai morti, quando i mondi materiali e immateriali durante la notte si trovano in contatto. È interessante notare come fino alla bolla di Gregorio IV, anno 835, la festa di Ognissanti (il termine “Halloween” significa “Tutti i Venerabili” o “Tutti i Santi”) veniva celebrata a maggio, ma passò a novembre, secondo Frazer, proprio a segnare una continuità con la festa celtica, diventando una cristianizzazione del festival celtico dei morti.

La caratteristica fondamentale dell’Halloween moderno è che suggerisce un soprannaturale non negativo e pauroso, ma scherzoso e divertente. I bambini, infatti, si vestono come fantasmi, streghe e vampiri senza paura che questi esseri invisibili possano essere reali o malevoli. Ovviamente non sempre questa visione è accettata, al punto che diverse sette (ad esempio gli evangelici americani) hanno tentato di proibire celebrazioni di Halloween, dicendo che sono la celebrazione (e la semplificazione) di un male che è invece reale e onnipresente.

Quello cui assistiamo in questi anni in Italia è l’importazione di una festa tradizionale, laddove però ogni tratto legato al folklore viene perso. Non c’è spazio per il trick or treat dei bambini vestiti con mille costumi diversi, e nemmeno per le caramelle regalate loro. Non c’è quindi quello spazio di socializzazione verso un sovrannaturale da esorcizzare con scherzi. Rimane, e va precisato subito che non è un giudizio di valore ma una semplice constatazione, l’involucro economico, costellato da mille party in costume in pub o discoteche. Come sempre, il folklore cambia e si reinventa.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9566 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Caserta, l’aeronautica ospita la Conferenza nazionale sullo Spazio

Organizzata dal Club Atlantico di Napoli, dall’Università’ della Campania Luigi Vanvitelli e dal Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA), la Conferenza nazionale sullo Spazio vedrà la partecipazione di alti rappresentanti del

Food

Pasqua 2020. Il fai da te rilancia i dolci della tradizione locale

Claudio Sacco – Da un capo all’altro dell’Italia nemmeno in questa Pasqua di tristezza e isolamento mancheranno i piatti della rigogliosa tradizione culinaria tricolore. Agnello e capretto, torta pasqualina e

Primo piano

Settimana dello studente al liceo Pizzi, ospite don Patriciello

Luigi Fusco -Un’aula magna gremita di alunni al Liceo Statale “Salvatore Pizzi” di Capua per il convegno Legalità e anticamorra tenuto, venerdì 22 aprile, da don Maurizio Patriciello, noto parroco