Il Museo Vivente delle Madri, raccolta a cura di Pasquale Iorio

Il Museo Vivente delle Madri, raccolta a cura di Pasquale Iorio

Luigi Fusco

– Recentissima è la pubblicazione dell’ultimo lavoro bibliografico di Pasquale Iorio, coordinatore del sodalizio Le Piazze del Sapere – Aislo Campania, dedicato al Museo Provinciale Campano di Capua. Il Museo Vivente delle Madri è il titolo del libro, concepito come una vera e propria raccolta di articoli, saggi scientifici, proposte e progetti tributati a una delle realtà museali più significative d’Italia, sia per la sua storia sia per le sue collezioni.

Istituito nel 1870 e inaugurato quattro anni dopo, il Museo Campano, sin da subito, venne concepito come luogo reale e ideale atto ad ospitare qualsiasi traccia storico-artistica e archeologica rinvenuta in tutto il comprensorio dell’allora provincia casertana. Frutto di un lavoro immane, compiuto dagli originari componenti della Commissione Conservatrice dei Monumenti e degli Oggetti Antichi della Terra di Lavoro, l’ente museale capuano, in virtù della sua specificità, è stato considerato, da sempre, un’eccellenza locale da salvaguardare e da tramandare ai posteri, ma, al contempo, proprio per la sue singolari connotazioni museografiche e museologiche, è stato ritenuto un sito di difficile fruizione e gestione, sia dal punto di vista culturale sia per la sua eventuale dimensione attrattiva e turistica. Nonostante le criticità, il Museo Campano è riuscito a sopravvivere nel tempo: dai primi caotici allestimenti di Gabriele Jannelli fino ai danni tragicamente apportati alla sua struttura durante il Secondo Conflitto Mondiale.

Nell’ultimo ventennio, grande attenzione è stata rivolta al museo da parte dell’ente Provincia, a cui è affidata la sua gestione e amministrazione, ma purtroppo ulteriori problemi sono emersi in merito al mantenimento dell’edificio stesso, di cui molti sono venuti a concretizzarsi a seguito delle riforme che hanno riguardato le istituzioni provinciali d’Italia.

Queste sono state, in generale, le tematiche riportate nel volume curato da Pasquale Iorio, la cui analisi è stata affrontata da diverse personalità del mondo della cultura, della scuola e dell’università presenti e operanti nel territorio casertano.

Il titolo adottato per questo libro non è stato, poi, casuale; difatti, particolare attenzione è stata posta sul termine Madri, chiaramente riferito alla più prestigiosa collezione archeologica presente nel museo: quella delle Mater Matutae. L’auspicio espresso nella pubblicazione stessa è che possa esser letta, interpretata e condivisa nel giusto modo, al fine di contribuire a mantenere vivo il Museo Campano nell’ottica di una sua moderna valorizzazione e fruizione.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Ars et Vita, la chiusura è con le “napoletane” di Gino Licata

Enzo Battarra E venne il giorno di Gino Licata. Sarà il cantautore casertano a chiudere la rassegna Ars et Vita al Belvedere di San Leucio oggi domenica 4 luglio alle

Cultura 0 Comments

Da Alterum l’ultimo incontro di Un giorno per la memoria

Claudio Sacco – Il salotto culturale di Alterum a San Nicola La Strada ha ospitato giovedì scorso l’ultimo dei tre incontri di presentazione dell’antologia “Un giorno per la memoria” della giornalista

Cultura 0 Comments

E quindi uscimmo a riveder le stelle…oggi si celebra il Dantedì

Maria Beatrice Crisci – «E quindi uscimmo a riveder le stelle». Così Dante Alighieri conclude l’ultimo canto dell’Inferno della Divina Commedia. È la fine del tunnel, la fine di un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply