La borsa nasce dal manico, è un’idea del brand casertano Aim

La borsa nasce dal manico, è un’idea del brand casertano Aim

Alessandra D’alessandro

– «L’idea è nata durante una passeggiata un paio di anni fa in un mercatino del vintage a Caserta. Un luogo magico dove ho trovato l’ispirazione per creare la mia collezione di borse». Così racconta Anna Maria Mongillo designer di origini casertane e fondatrice del brand di borse Aim. Venti anni di esperienza come designer e consulente per brand internazionali di abbigliamento e accessori  hanno spinto Anna Maria a creare pezzi unici e originali.  «La scintilla iniziale è venuta da un manico. Un manico di una borsa vintage emerso tra centinaia di altri pezzi vecchi e diversi. Da quel manico con intuizione e determinazione ho creato il mio primo modello e successivamente la mia prima collezione».

Le borse Aim sono prodotte in una fabbrica partenopea di lavorazione della pelletteria e sono in pelle riciclata ricavata dagli scarti e dalle rimanenze che derivano dalla sovrapproduzione. Il design delle borse è sofisticato e senza tempo, abbraccia un progetto di sostenibilità. I materiali utilizzati sono pregiati e completano i look da giorno o da sera delle donne di tutte le età. Ogni modello è unico perché realizzato da artigiani che lavorano in piccole aziende di pelletteria a conduzione familiare. Originalità e sostenibilità sono i motti di un brand che vuole ridurre l’impatto ambientale e puntare sul riciclaggio dei materiali. La collezione presenta cinque modelli unici: la prima borsa realizzata dalla designer casertana  “olivia”  ispirata allo stile vintage anni 70, “mini olivia” un piccolo gioiello di design con il manico caratteristico del brand, “alice” elegante borsa per tutti i giorni, “sofia” borsa da città con una silhouette strutturata e infine “leo” un piccolo pouch da indossare al collo, ricavato dallo scarto della pelle che deriva dal taglio del manico della borsa “olivia”. Tutte le borse sono in numeri limitati, disponibili  sul sito aimhandmadeinitaly.com e presso la  boutique Nida di Caserta che ha appoggiato il progetto della designer casertana per dar voce ai talenti del territorio.

About author

Alessandra D’Alessandro
Alessandra D’Alessandro 26 posts

Alessandra D'alessandro - Studentessa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, facoltà di Lettere indirizzo linguaggi dei media. Ha frequentato il liceo classico Giannone a Caserta. Ha conseguito certificazioni di lingua inglese presso Trinity College London. Attualmente collabora nell’azienda familiare occupandosi di social media, comunicazione e fashion buying. Interesse spiccato per il mondo della moda, il giornalismo, la comunicazione e la cultura olfattiva.

You might also like

Primo piano

Rezzuti e Scolavino, un concerto d’arte tra Napoli e Capri

Al MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, sabato 29 ottobre alle ore 11.30 e alla Certosa di San Giacomo a Capri sabato 10 dicembre alle ore 11.30 si inaugura la mostra

Attualità

Revenge porn e slut shaming, dove la vittima diventa colpevole

Vincenzo Addio* – Il problema del revenge porn è sicuramente di natura culturale: i giovanissimi non hanno la percezione della gravità delle azioni descritte e il materiale una volta diffuso

Primo piano

Casertana in otto! Solo un pareggio 1-1 a Martina Franca

Enzo Battarra            La Casertana si complica la vita. Conclude la partita in otto, sì in otto, con tre uomini in meno, e si fa agguantare nel

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply