La legalità secondo Cafiero de Raho, incontro al Borgo di libri

La legalità secondo Cafiero de Raho, incontro al Borgo di libri

Maria Beatrice Crisci

– «Giuseppe Salvia venne ucciso perché rappresentava lo strumento dello Stato per scalfire un sistema criminale che trovava piena attuazione nel carcere di Poggioreale». Così Federico Cafiero de Raho, procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, intervenendo alla presentazione del libro di Antonio Mattone «La vendetta del boss. L’omicidio di Giuseppe Salvia», Guida editori. L’evento tenutosi nella Cattedrale di Casertavecchia rientrava nella quarta edizione del festival «Un borgo di libri», dedicato alla letteratura e alla scrittura, ideato e curato da Luigi Ferraiuolo. Con Antonio Mattone e Federico Cafiero de Raho anche don Nicola Buffolano, parroco della Protocattedrale di Caserta. A portare la sua testimonianza Antonino Salvia, figlio di Giuseppe. L’incontro è stato moderatore da Claudio Coluzzi, giornalista del quotidiano Il Mattino. Giuseppe Salvia era il vicedirettore e il responsabile del reparto di massima sicurezza del carcere di Poggioreale, ucciso nel 1981 dalla Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo in un agguato sulla tangenziale di Napoli. A lui è stata intitolata nel 2013 la casa circondariale napoletana.

E ancora Cafiero de Raho: «Salvia impose delle regole all’interno del carcere, per cui le stesse perquisizioni che venivano fatte agli altri detenuti dovevano essere fatte anche a Cutolo, che doveva togliere le scarpe così come gli altri detenuti dopo ogni colloquio. La regola è disciplina secondo Salvio e questa va osservata da tutti».

Il procuratore ha poi evidenziato: «Il nostro sistema va notevolmente migliorato sia per quanto riguarda le cautele sia l’esecuzione della pena. Il carcere deve essere il percorso di rieducazione finalizzato all’inserimento sociale. Però il percorso non consente di verificare esattamente quale è stato questo recupero da parte del detenuto. Quindi, rispetto a un percorso penitenziario di rieducazione, quello che effettivamente è la proiezione del detenuto non viene mai acquisita. Non c’è una capacità preventiva di prevedere quale sarà il comportamento successivo del detenuto. Perché quello che viene fatto all’interno del carcere non lo consente. Quindi, noi abbiamo camorristi, mafiosi, che continuano il loro colloqui con i familiari che sono all’interno di contesti mafiosi o camorristici. Sicché anche se all’interno del carcere c’è un percorso finalizzato a rieducare il detenuto, resta il contesto esterno che è quello nel quale il detenuto quando esce si ritroverà».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Casatiello, salato o dolce è prelibato ma ha un nome indigesto

Luigi Fusco – Del “Casatiello” esistono due versioni: quella dolce e quella salata. A Napoli, per la maggiore, si intende una sorta di pane cotto al forno condito con formaggio,

Cultura 0 Comments

Toghe & Note 2020, la giustizia in scena per la solidarietà

Claudio Sacco -Al via la terza edizione di “Toghe & Note 2020”, spettacolo benefico – nel quale, svestendo la toga, si esibiscono magistrati, avvocati, personale di cancelleria ed operatori del mondo

Primo piano 0 Comments

We stop Covid, il Rotary Caserta Vanvitelli scende in campo

Al via il service “We stop Covid: Vaccini in tour” per sostenere la campagna  di vaccinazione anti Covid-19 e offrire alla comunità la possibilità di vaccinarsi garantendo la massima copertura

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply