La notte europea dei ricercatori. A Pozzilli la terza edizione

La notte europea dei ricercatori. A Pozzilli la terza edizione

Tutto pronto a Pozzilli per la terza edizione della Notte Europea dei Ricercatori. Mercoledì 28, giovedì 29 e venerdì 30 settembre l’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli apre le sue porte per offrire a tutti una visione globale del cammino della ricerca scientifica, tra la meraviglia e le applicazioni pratiche.

Un viaggio nella scienza, un confronto sul futuro, una prospettiva per i giovani. Sono queste le caratteristiche della manifestazione che, per il 2016, si rinnova e si arricchisce di attività e numerosi contenuti per giovani, adulti, esperti e curiosi. Sarà così il dialogo il protagonista delle tre giornate dedicate alla scienza.

Con il suo Parco archeologico, Neuromed aprirà uno spiraglio sulle antiche radici di questo territorio. Radici che oggi rappresentano un modo per riflettere sulla strada percorsa. E sulla stessa terra calpestata dai popoli antichi, popoli che avevano pochissimi mezzi contro le malattie, oggi sorgono strumenti che cercano risposte in grado di salvare e migliorare tante vite umane. Strumenti, tecniche, idee nuove, questo è il fulcro degli incontri con i ricercatori e delle visite nei laboratori. Senza dimenticare quei concetti di base della ricerca scientifica che, da Galileo in poi, hanno disegnato il mondo in cui viviamo. Scienza non solo come tecnica e risultati, ma come visione globale di una società che punta alla verità e al dialogo senza pregiudizi. Una sfida quanto mai attuale per il mondo moderno.

La realtà scientifica spesso viene vista come distante dalla vita di tutti i giorni, ma è invece parte fondamentale della società moderna. E per avvicinare ancora di più, per ampliare l’esperienza verso la tecnologia, quest’anno Neuromed ospiterà BAOTAZ, reduce dal successo ottenuto alla triennale di Milano. Si tratta di una installazione interattiva dedicata all’interconnessione, alla comunicazione, al “sentire” sulla propria pelle la grande rete Internet e i sentimenti che la muovono. Un modo per estendere i propri sensi, da provare su se stessi.

Come tradizione, la Notte dei Ricercatori spazierà anche verso il cielo, con telescopi a disposizione del pubblico. L’astronomia, un campo apparentemente così lontano dalla medicina, parla la stessa lingua della scienza, e parla di scoperte, di idee sbagliate, di ripensamenti e di successi.

 Mercoledì 28 e giovedì 29 vedranno protagonisti gli studenti. Un piccolo passo dalle aule di scuola al laboratorio.

Neuromed sarà lieto di accogliere, nelle due mattinate dedicate, gli studenti delle scuole superiori all’interno di un percorso chiamato il viaggio della conoscenza, in cui vestiranno a tutti gli effetti i panni del ricercatore all’interno di un laboratorio interattivo. Qui potranno approfondire le loro conoscenze sulle principali tematiche della biologia, partendo dalle molecole fondamentali per la vita quali DNA e proteine fino ad arrivare ai tessuti e agli organi. Verranno mostrate ai ragazzi le principali metodiche utilizzate in laboratorio per la manipolazione dei suddetti campioni biologici.

Sarà anche l’occasione per riconoscere l’impegno diretto degli studenti che, grazie al progetto “Let’s stem”, hanno affrontato il tema delle differenze di genere nelle professioni scientifiche e tecnologiche. Promosso dalla Fondazione Neuromed, il progetto ha visto la creazione di brevi video da parte dei team scolastici. Il 29 settembre, alle ore 12:30, il Presidente della Fondazione Neuromed, Mario Pietracupa, e la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Molise, Anna Paola Sabatini, annunceranno i vincitori, che potranno seguire un periodo di formazione presso i laboratori del Parco Tecnologico Neuromed e del Polo di Innovazione Tecnologica Cyber Brain.

Venerdì 30, poi, Neuromed aprirà le porte del Centro Ricerche a tutti i cittadini, a partire dal pomeriggio. Anche qui, protagonisti i ricercatori e il loro incontro con la gente. Magari dagli adulti arriveranno domande più complesse, forse più pratiche rispetto a quelle degli studenti. Nel corso dell’evento esperti e curiosi potranno visitare il Parco Tecnologico, il cuore della Ricerca Neuromed, e relazionarsi in maniera diretta con i ricercatori e conoscere le attività che ogni gruppo di ricerca svolge all’interno dell’Istituto.

Inoltre quest’anno, per la prima volta, l’IRCCS Neuromed si trasforma in una Galleria della Scienza. In questo spazio verranno esposte le scoperte scientifiche dell’Istituto con maggiore impatto sulla sanità pubblica. La Galleria della Scienza rappresenterà anche l’occasione per presentare altre attività che vedono l’IRCCS protagonista. Tra queste la piattaforma Cyber Brain. Nell’ambito della Galleria, inoltre, verrà allestito un Museo della Scienza in cui sarà possibile ammirare una collezione di campioni anatomici ed una raccolta di attrezzature utilizzate nel passato. I visitatori avranno modo di conoscere ed apprezzare i ricercatori come persone e non solo come scienziati. Saranno infatti presentate attività ludiche organizzate al di fuori del laboratorio.

Nella stessa giornata i rappresentanti degli I.R.C.C.S. italiani impegnati nelle neuroscienze si daranno appuntamento a Pozzilli per una tavola rotonda dal titolo “La rete I.R.C.C.S. delle neuroscienze e della riabilitazione: una piattaforma per l’Europa”. Un dialogo su temi strategici per disegnare il futuro della ricerca scientifica neurologica in Italia, con uno sguardo attento al ruolo del nostro Paese nell’Unione Europea.

La Notte dei ricercatori Neuromed vede il Patrocinio del Parlamento Europeo, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, del Ministero della Salute, della Regione Molise, della Provincia di Isernia e del Comune di Pozzilli.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Reggia. Il dialogo dei contrapposti incontra Giuliano Grittini

Maria Beatrice Crisci  – Nell’ambito della mostra «Il dialogo dei contrapposti. I protagonisti del ‘900» a cura di Vincenzo Morra, incontro con l’artista Giuliano Grittini. L’appuntamento è per domenica 23

Spettacolo

Wet Floor, Fabio Pisano in scena al Bellini con un suo testo

Maria Beatrice Crisci – Proseguono fino a domenica le repliche di “Wet Floor” al Piccolo Bellini di Napoli. Il testo è di Fabio Pisano, Interpreti Antimo Casertano e Fabio Cocifoglia.

Cultura

Online National Meeting, il Liceo Pizzi di Capua all’evento

Luigi Fusco -Il 27 maggio prossimo, alle 15.30, si svolgerà il primo Online National Meeting organizzato dalla Rete Nazionale Scuole Smart, evento a cui parteciperà anche il Liceo Statale “Salvatore

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply