“Le mie scarpe sono sempre al passo”, parola di Luca Lubello

“Le mie scarpe sono sempre al passo”, parola di Luca Lubello

Enzo Battarra

2019 gennaio 12 Mattino Lubello– «Vivo a Firenze ma mi porto dentro anche le proporzioni vanvitelliane della Reggia di Caserta, mi porto dentro le storie nate sotto il vulcano, tra Napoli e i Campi Flegrei, mi specchio in quel golfo dove emergono come sirene Capri, Ischia, Procida. I miti della Magna Grecia arrivano fin dentro il Rinascimento fiorentino, raccontano, parlano, vivono. La monumentalità del Vesuvio è la stessa che Brunelleschi volle dare alla sua cupola, miracoli di equilibri consolidati. La Reggia vanvitelliana è un’altra esaltazione dello spazio, dell’antro, del guscio. La scarpa come custode e come scrigno del piede, che è radice, che è il punto di contatto con la terra, che è il legame con il suolo che si calpesta. Caserta e Firenze unite dalla maestosità architettonica come dalla progettazione delle calzature, per essere sempre al passo». Così si racconta il fashion designer, o ancor meglio il «men’s and women’s shoes and bags designer» Ldecolte nastro banano copiauca Lubello Maria Beatrice Crisci in un’intervista pubblicata dal quotidiano Il Mattino sabato 12 gennaio.

Moda e arte sono le due passioni che si concentrano in questo talento casertano. Lui sta sviluppando il mio marchio Lubello con una nuova forma di collaborazione con dei fornitori toscani e un piccolo gruppo di persone con cui ho condiviso le esperienze di maggior rilievo. È una collezione di scarpe da uomo e da donna. In più sta lanciando una collezione di orologi».

Da cosa trae aspirazione questo tuo brand, gli chiede nell’intervista Maria Beatrice Crisci: «Sicuramente dall’architettura unica di Firenze, dalle geometrie delle sue basiliche, dai marmi delle facciate di Santa Maria Novella e San Miniato, elementi che vengono tradotti, grazie ad artigiani locali capaci di portare avanti una tradizione senza tempo, in tasselli che vanno a formare calzature uniche. La manifattura di eccellenza cui sono fortemente legato rappresenta la componente fondamentale delle mie creazioni».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9727 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Enti Locali e bilancio. I commercialisti si in-formano

         L’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta ha organizzato per martedì 28 febbraio il primo convegno gratuito in materia di Revisione legale in ambito pubblico dal titolo

Attualità

Il sorriso in Ospedale, con l’associazione Teniamoci per mano onlus

Claudio Sacco -L’associazione «Teniamoci per Mano Onlus» organizza a partire dal 10 maggio «La Maratona del Sorriso». L’obiettivo è quello per dare un sostegno concreto alle sue attività radicate su

Primo piano

Malattie sessualmente trasmette, l’Ordine fa prevenzione

Maria Beatrice Crisci -L’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta, di cui è presidente Carlo Manzi, ha dato il via ad una campagna di sensibilizzazione rivolta ai giovani