Mann. Aperti per voi, è il week end del museo archeologico

Mann. Aperti per voi, è il week end del museo archeologico

Luigi Fusco

-Week end di chiusura per il MANN, acronimo del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, ma non per i suoi profili social. Sia sabato che domenica prossima, nel rispetto delle recenti norme anti-covid, il museo archeologico non aprirà i suoi battenti, ma rinnoverà l’appuntamento con le sue collezioni attraverso la campagna social Aperti per voi. Racconti dalle Collezioni. Sia sulla sua pagina Facebook che su quella di Instagram sarà possibile partecipare ad un tour virtuale, composto da fotografie, che condurrà il visitatore alla scoperta delle raccolte e dei reperti meno noti o inediti. Il primo appuntamento è previsto sabato 30 gennaio, a partire dalle 8.30, con un post su una delle sculture dei Dioscuri, datata alla metà del II secolo d.C., oggi ospitata nel grandioso atrio del museo, ma proveniente dal cosiddetto Tempio di Venere a Baia.

Il percorso continuerà, in ordine sparso, con l’illustrazione dello splendido mosaico raffigurante il Corteo di Nettuno e Anfitrite, del I secolo a.C., rinvenuto a Pompei presso la Casa del Granduca di Toscana. Dalla Collezione Farnese verrà, invece, mostrato il busto di Claudio, opera marmorea romana del I secolo d.C. Fascino e mistero saranno, invece, protagonisti attraverso il busto femminile, identificato con Artemide, collocato, in origine, nella sontuosa Villa dei Papiri di Ercolano. Il tour virtuale consentirà, inoltre, di conoscere altri preziosi gioielli facenti parte del ricco patrimonio del MANN. Verrà, difatti, condivisa l’immagine di una piccola statua di Iside/Fortuna, di epoca romana, le collezioni di oggetti legati vita quotidiana che si conduceva nelle città vesuviane, i pavimenti musivi della raccolta dedicata alla Magna Grecia e le terrecotte con il soggetto del recumbente, tipico della coroplastica tarantina del VI secolo a.C. Ancora, per l’occasione, verrà presentato un elmo bronzeo del primo quarto del V secolo a.C., proveniente da Locri, su cui è incisa un’iscrizione rivolta alla dea Persefone dal soldato Xenainetos. Si giungerà, poi, nelle sale della civiltà egizia, in cui verrà mostrato un particolare della stele funeraria dello scriba Hui. Anche la sezione Preistoria e Protostoria verrà svelata in questo singolare percorso con una coppia di ceramica di impasto, ritrovata a Capua, datata all’età del ferro. Infine, dalle riammodernate Sale degli Affreschi verrà esposto online un frammento di pittura appartenente, un tempo, alla Praedia di Iulia Felix di Pompei

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 208 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Torte come opere d’arte, le Cake Sisters Pace aprono a Capua

Maria Beatrice Crisci – Loro sono le sorelle Rossella ed Enza Pace, ma per tutti sono diventate le Cake Sisters. E venerdì 21 luglio alle ore 20 apriranno il loro

Spettacolo

Capua si riempie di musica nel week-end itinerante d’autunno

 Maria Beatrice Crisci – È l’Autunno Musicale a riempire di musica la città di Capua nel fine settimana. La 23esima edizione del festival voluto da Antonino Cascio ripropone la collaudata formula del

Primo piano

Premio Scuola Digitale. L’iti Giordani di Caserta in prima linea

Maria Beatrice Crisci – Sarà l’ex Convento di Sant’Agostino a Caserta ad ospitare giovedì 18 ottobre il Premio Scuola Digitale, sezione provinciale. Il 27 ottobre, poi, al Belvedere di San Leucio

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply