Musei aperti, la stagione culturale dovrà avere nuovi caratteri

Musei aperti, la stagione culturale dovrà avere nuovi caratteri

Luigi Fusco

– Riaprono i musei, timidamente. Un piccolo passo verso la normalità, dopo il lungo periodo di oscurità per la cultura e per l’arte. Certamente, considerato il prolungamento dello stato di emergenza, non ci saranno folle oceaniche a far visita ai complessi monumentali italiani, ma soprattutto a quelli presenti nel territorio campano.
Intanto, da lunedì 18 gennaio, Pompei tornerà a essere viva, visti anche gli ultimi ritrovamenti fatti e i recenti restauri condotti, così come l’Archeologico di Napoli, con le sue già programmate iniziative, e la Reggia di Caserta, che resta sempre, al di là di tutto, un grande attrattore.
Gli ingressi, le visite guidate e le eventuali manifestazioni annesse saranno regolamentati nel rispetto delle norme anti-covid.
Nonostante le restrizioni previste, forse ci sarà il tempo di programmare, in maniera inedita e strutturale, una nuova stagione per il turismo e la cultura in generale, magari ripartendo dal concetto di “nicchia”, mettendo, per un po’ di tempo, da parte le dinamiche turistiche-vacanziere che hanno caratterizzato la mobilità di massa negli ultimi anni, desiderosa di consumare voracemente qualsiasi tipo di museo. Ripensare, quindi, agli sviluppi dell’economia culturale potrebbe essere veramente opportuno, eventualmente puntando sulla riqualificazione dei siti archeologici e dei palazzi storici attraverso il recupero della loro identità artistica, documentaria e sociale; un’operazione nuova da condurre con un linguaggio diverso, semplice e didattico allo stesso tempo, che avvicini, nel vero senso della parola, le persone alle istituzioni culturali, evitando di marcare altre distanze, già fortemente presenti, a livello mondiale, da poco più di un anno.

Luigi Fusco Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6799 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Dicembre in musica, a Pignataro Maggiore il gran finale

Secondo e ultimo appuntamento Dicembre in Musica degli “Amici della Musica” di Pignataro Maggiore. Il segmento concertistico invernale chiude l’attività annuale del Sodalizio con l‘appuntamento previsto per domani 27 dicembre, nella Sala

Primo piano

Caserta a Rio con i suoi pugili. Ma anche con un quadro

(Redazione) – C’è anche Caserta alle Olimpiadi di Rio. E c’è con i suoi campioni, ma anche con i suoi tesori. Ancora una volta saranno i pugili a rappresentare lo

Editoriale

Da San Nicola a Babbo Natale, il buon uomo dalla lunga barba

Luigi Fusco – Il 6 dicembre è la data del dies natalis di Nicola di Myra, tra i santi più venerati nel Mezzogiorno d’Italia, ma anche nel resto del mondo.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply