Nasce il MACS, l’arte contemporanea va a scuola

Nasce il MACS, l’arte contemporanea va a scuola

Sabato 8 ottobre a Santa Maria Capua Vetere si inaugurerà il MACS, il primo Museo di Arte Contemporanea cittadino. L’evento risulta eccezionale non solo per la portata dell’opera in sé, ma perché, per la prima volta, un Museo di Arte contemporanea troverà la sua ubicazione in una scuola, precisamente presso il Liceo Artistico, diretto da Alfonsina Corvino. L’evento si svolgerà nella nuova sede dell’istituto in via Napoli vico II.

schermata-2016-10-05-alle-16-00-48

Il Museo nasce da un progetto e da un’idea di Vittorio Vanacore, docente di arti figurative, che ha fatto in modo di convogliare opere di 56 artisti contemporanei di rilevanza nazionale e internazionale presso la nuova struttura. Le opere sono state donate e rimarranno in mostra permanente presso il Museo e nei locali della scuola. Il MACS rimarrà aperto al pubblico tutti i giorni in orario scolastico, tranne la domenica.

Per l’inaugurazione è prevista una vera e propria Festa dell’Arte perché nell’occasione si presenterà la nuova sede del Liceo Artistico.

L’apertura è prevista alle ore 11 e sarà riservata alla dirigente scolastica Alfonsina Corvino che precederà l’intervento di don Luigi Merola.

Si riprenderà nel pomeriggio alle ore 17 con il saluto del vicesindaco di Santa Maria CV Assunta Amelio.

Seguirà alle 18 un’esibizione di danza contemporanea della scuola Giselle di Anna Aiello.

Alle 19 l’intervento del critico d’arte Enzo Battarra.

Alle 20 seguirà la performance dell’artista Carlo Latino, ex alunno del Liceo Artistico.

La serata si concluderà con il fascino dello spettacolo della cottura della ceramica raku ad opera del docente Rossano Sirignano, con la collaborazione dell’ex alunno Domenico Merola.

La manifestazione è stata realizzata con il patrocinio dell’associazione Amaci, Associazione dei musei di arte contemporanei italiani, e prevede la collaborazione della Società Fotografica Casertana che interverrà per fermare i momenti salienti della giornata e donerà gli scatti alla scuola.

La preparazione dell’evento ha visto la partecipazione massiccia di tutto il personale della scuola, dai docenti al personale ATA, agli studenti che realizzeranno gadget e fungeranno da hostess e steward.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Macrico aperto ai casertani, l’annuncio del vescovo Lagnese

Maria Beatrice Crisci – Il 31 dicembre a Caserta non è solo attesa della festa, del cenone. È anche il giorno del Te Deum che il vescovo della diocesi casertana

Spettacolo

Carlo Buccirosso fa tappa al Teatro Garibaldi

Magi Petrillo – Mercoledì 26 febbraio alle ore 20.45 Teatro Ricciardi di Capua l’Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro presenta Carlo Buccirosso in “La rottamazione di un italiano perbene tratto da Il miracolo

Attualità

Corporea diventa realtà a Città della Scienza

(Luigi D’Ambra) –  Le immagini dell’incendio doloso che tra il 4 e il 5 marzo del 2013, riduceva quasi in cenere Città della Scienza a Napoli, hanno fatto il giro