No al femminicidio, quando il messaggio parte dal carcere

No al femminicidio, quando il messaggio parte dal carcere

Claudio Sacco

carcere– «Donna non si nasce, lo si diventa. Nessun destino biologico, psichico, economico definisce l’aspetto che riveste in seno alla società la figura femminile che spesso è vittima anche di violenza psicologica dai propri amati. Al di là della condanna e della sua entità, mi auguro che queste rappresentazioni spontanee e sentite servano per contribuire a creare una cultura del rispetto e per combattere assieme una battaglia contro la violenza sulle donne che non deve avere sosta, anche nei quartieri periferici e nelle famiglie a rischio. Quando la forza di prevaricazione ha la meglio sul coraggio o sulla possibilità di denunciare, serve aiuto. L’incontro di oggi vuole essere un “amo” da gettare nel suolo per produrre riflessione e attenzione anche tra i carcerati con reati associativi”. Così il garante regionale dei diritti dei detenuti Samuele Ciambriello al termine della manifestazione tenutasi ieri al carcere di Santa Maria Capua Vetere. Un Carnevale particolare. Infatti, le donne dell’alta sicurezza, reparto Senna, hanno voluto mettere in campo con l’associazione “Suddatella” uno spettacolo dalle forte emozioni e con un valore di denuncia: fare memoria della violenza che subiscono le donne quotidianamente, fare memoria delle morti per mano di fidanzati, mariti. Lo spettacolo di oggi, “Donne come noi” che si è tenuto nel carcere di Santa Maria ha lanciato un forte messaggio contro il femminicidio, attraverso musica e poesie, alternando momenti di risate a momenti di profondità emotiva. I detenuti presenti del reparto Tamigi, alta sicurezza, e l’intero reparto femminile Senna, hanno manifestato con molti applausi l’esibizione delle protagoniste:sette detenute del reparto Senna, che hanno anche scritto parte del copione. Michelina Esposito, oltre che interprete si è occupata della stesura del copione, Natasha Cordaro, Giovanna Di Rosa, Assunta Buonerba, Maria Buonerba, Maddalena Di Paoli, Antonietta Casamonica. A coordinare le attività l’associazione “suddatella”. Erano presenti allo spettacolo la direttrice dell’istituto Elisabetta Palmieri e il magistrato di sorveglianza Marco Puglia.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8564 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Reggia, il progetto Memex Experience per gli abbonati over60

-Promuovere la coesione sociale attraverso strumenti digitali, offrendo un’esperienza “esclusiva e inclusiva” agli abbonati della Reggia di Caserta. Venti titolari over 60 di abbonamento al Complesso vanvitelliano hanno la possibilità di prendere parte al progetto Memex.ECCOM, organizzazione

Cultura 0 Comments

Un saluto commosso a Giorgio Albertazzi, protagonista a Caserta e nel mondo

Beatrice Crisci – Lui era un vero cittadino del mondo. E come tale aveva recitato ovunque. Ma con Caserta aveva un buon rapporto, spesso tornava qui, in quella città che un

Brunello Cucinelli, presentazione da Mario D’Anna a Caserta

Maria Beatrice Crisci – Lui è Brunello Cucinelli, re del cachemire ma anche principe di Solomeo. Nel piccolo borgo umbro, infatti, il grande imprenditore sta portando avanti il suo sogno di un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply