‘O quaderno napulitano di Danila Riccio, da Berlino a Napoli

‘O quaderno napulitano di Danila Riccio, da Berlino a Napoli

Pietro Battarra

 – Sarà presentato al Museum ShoSchermata 2019-05-27 alle 13.06.31p&Bar a Napoli giovedì 20 giugno alle 19 il taccuino illustrato di Danila Riccio per RAUM Italic. Nell’occasione, i disegni originali, tutti rigorosamente a mano, saranno in mostra. Danila Riccio è nata a Napoli nel 1983, ha vissuto e studiato a Caserta e dal 2010 si è trasferita a Berlino. «E’ diventata illustratrice non per studi ma per amore del disegno», sottolinea. “O Quadèrno napulitano” è il primo progetto realizzato per RAUM Italic, casa editrice di Berlino.

Ad ogni pagina, un invito. A riflettere e a riflettersi. In pensieri e parole capaci di prendersi il tempo giusto, quello dell’inchiostro su carta. Mentre Napoli fa da sfondo e confidente, fra incanto e tradizione. Tutto questo, e molto di più, è “’O quaderno napulitano”, progetto realizzato da Danila Riccio per RAUM Italic, casa editrice di Berlino. Le venti tavole che compongono il progetto ridisegnano la città che tutti conoscono con occhi nuovi. Dove l‘odore dei “panne stise” si mescola al profumo di “pummarole”, dove il sacro di “San Gennaro” si confonde col profano delle “carte napulitane”. Dove c‘è l‘opulenza d‘ “o babbà”, ma pure quella d‘ “‘o cuoppo”. Dove è possibile che succeda tutto ed il contrario di tutto, pure che si rincorrano un Totò silente e un “Pullecenella” dolente. In occasione della personaSchermata 2019-05-27 alle 13.06.54le sarà possibile acquistare il taccuino, dopo averne ammirato i disegni e i brevi testi che l’hanno ispirato. «’O Quadèrno napulitano” – spiega Danila – è un taccuino sul quale poter scrivere pensieri in libertà, annotare numeri di telefono che non riusciamo più ad imparare a memoria, scarabocchiare il più e il meno, farci i conti come si faceva una volta».

In napoletano rende anche meglio: «Accussì te può signà chell’ che pienz – rassicura il sito di Raum Italic – Scarabbucchià ’stu munno, cu l’addore ‘e mare dìnt ‘o naso». In sovraccoperta, stampata a mano, c’è Partenope, “’a sirena”, che si adagia sulla città: forse è la stessa illustratrice, 36 anni e gli ultimi 15 in giro per l’Europa, che fa pace con la sua Napoli e le sue origini. Un taccuino illustrato dedicato a Napoli, innanzitutto e sopratutto, da riempire con appunti e schizzi, incorniciate da figure e scorci partenopei.  Durante la serata si esibirà Luca Rossi, cantautore e maestro di tammorra.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9737 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Gli “occhi” del Civico 14, il teatro visto dalla parte dell’attore

Maria Beatrice Crisci – Theatromai è il verbo greco da cui deriva theatron, teatro. Theatromai è guardare, osservare, sedersi in sala e diventare spettatore. Ma che succede se a guardare

Cultura

Musica a Ferragosto, la tre giorni del Festival organistico

Magi Petrillo -Una tre giorni in musica per Festival Organistico. La rassegna organizzata dall’associazione Anna Jervolino e dell’Orchestra da Camera di Caserta dà appuntamento sabato alle 18 per i «Vespri

Arte

Barbara Rose, il ricordo della sacerdotessa dell’arte a Caserta

Maria Beatrice Crisci – È andata via nella notte di Natale. Barbara Rose, critica e storica dell’arte americana, amica di personaggi come Andy Warhol. Era il 2018 quando a Caserta