Omaggio a San Sebastiano, la Caserta dell’arte si fa in quattro

Omaggio a San Sebastiano, la Caserta dell’arte si fa in quattro

Maria Beatrice Crisci

San Sebastiano è il Santo Patrono della città di Caserta. Lo è in coabitazione con Sant’Anna. Ma la sua figura, a differenza di quella vecchieggiante della madre di Maria, è certamente una delle più attrattive. I grandi artisti del passato lo hanno spesso rappresentato come un giovane militare dai tratti raffinati, trafitto dalle frecce e sanguinante, spesso inquadrato in un paesaggio boschivo, capace di sopravvivere a quel mar​ti​rio. Ma anche nell’arte contemporanea ci sono notevoli riferimenti al suo corpo così aggraziato ma così oltraggiato.

Gennaro Caiazza

In realtà, la notorietà di un Santo è legata anche alla sua iconografia. Spesso è stata l’immagine del corpo, la stessa figura, a generare o meno una maggiore devozione. Quindi, le opere d’arte, soprattutto quelle del passato, hanno avuto un ruolo fondamentale nella diffusione di uno specifico culto. E ci sono storie, descrizioni e avvenimenti di Santi che hanno fortemente attirato l’attenzione degli artisti e indotto a ritrarli. Ecco quattro omaggi casertani a San Sebastiano, quattro artisti che hanno inteso interpretare la figura del Santo.

Antonio d’Amore

È molto «casertanizzato» il San Sebastiano dipinto da Gennaro Caiazza. L’artista fa emergere il Santo come un gigante alle spalle della Reggia vanvitelliana nell’azzurro di un cielo innaturale. Ai lati le due cattedrali casertane, quella del borgo collinare antico e l’altra della città nel piano.

Rinascimento e contemporaneo vivono nell’opera di Antonio d’Amore. Viene citato lo straordinario dipinto di Andrea Mantegna. Quel ritratto del Santo appare come un’immagine radiografica, dall’alto in basso e viceversa. Tutto è immerso nel rosso del sangue. Come cornice i numeri e le lettere.

Giuseppe Vaccaro

Il martirio di San Sebastiano diventa la morte di Pulcinella per Giuseppe Vaccaro. L’artista declina in chiave partenopea il sacrificio del Santo. Si parte sempre dalla classica figura trafitta da frecce, ma vengono aggiunti la nera maschera napoletana e il berretto frigio. È un gesto di affetto per un eroe popolare.

Walter Pascarella

Non ha un volto il San Sebastiano di Walter Pascarella, ma ha comunque una forte identità. L’artista dipinge il torso mutilo del Santo come un reperto della statuaria ellenistica. Ma quel corpo palpita. Trafitto dalle frecce, il cuore sanguina. L’impianto grafico dell’opera ha una sensibilità pop dai toni cromatici forti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9784 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Festival Internazionale della Musica Etnica, i prossimi eventi

Ethnos, 25 anni di musica dei popoli ai piedi del Vesuvio, continua. La XXV edizione di Ethnos, festival internazionale della musica etnica ideato e diretto da Gigi Di Luca, entra nel vivo questa settimana. Il festival,

Primo piano

De Core vicedirettore del CorSport, un casertano di successo

Maria Beatrice Crisci – Da qualche giorno il suo nome compare nel colophon del Corriere dello Sport come vicedirettore. Parliamo di Francesco de Core, un casertano doc, per tanti anni

Primo piano

Reggia, l’opera e la personalità di Vanvitelli in una esposizione

-Il primo marzo alle 16 nella Cappella Palatina, alla cerimonia di inaugurazione delle Sale Vanvitelli: esposizione permanente negli Appartamenti Reali della Reggia di Caserta dedicata all’opera e alla personalità del celebre