Quanto lavoro, direttore! Un anno vissuto dentro la Reggia

Quanto lavoro, direttore! Un anno vissuto dentro la Reggia

(Beatrice Crisci) – Gli è bastato un solo anno per diventare un protagonista della scena nazionale e per conquistare la gran parte dei cuori casertani. Con il suo accento bolognese, con il suo aspetto bonario, ma anche con il suo proverbiale stacanovismo, celebrato su mass media e social network, ebbene Mauro Felicori, direttore della Reggia di Caserta, si è ben integrato nella città e ha sempre mantenuto un rapporto con il mondo delle associazioni.

Così, a un anno dall’insediamento di Felicori, l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Pietro”, in collaborazione con il CoAsCa, l’associazione Amici della Reggia, il Forum Terzo Settore e le Piazze del Sapere, organizza un incontro pubblico per illustrare i progressi ottenuti e le criticità manifestate in questo anno di lavoro nel Palazzo Reale vanvitelliano.

L’appuntamento è per martedì 15 novembre alle ore 17 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Diocesana. L’incontro avrà come tema “Palazzo Reale e territorio – Bilancio annuale e prospettive future”. Saranno presenti, con il direttore Felicori, il presidente dell’associazione Amici della Reggia Paolo Provitera e il portavoce del Forum Terzo Settore Pasquale Iorio. I saluti saranno affidati al direttore dell’ISSR “San Pietro” don Nicola Lombardi, mentre a moderare sarà il presidente del CoAsCa Marcello Natale.

L’evento ha lo scopo di far conoscere, più che gli sviluppi, le criticità della gestione di un patrimonio come quello della Reggia, in una realtà articolata come Caserta. Dopo la bocciatura della città come capitale europea della cultura e l’esclusione come sede del G7 delle Finanze, il capoluogo non sembra destinato a essere riconosciuto come luogo di produzione culturale o punto di riferimento per avviare nuovi progetti sociali ed economici. Ecco perché sul sito vanvitelliano ci sono molte aspettative, in quanto potrebbe rappresentare il principale volano adatto a far ripartire tutta la provincia, a rendere uniti i cittadini e a cominciare a creare un vero senso di appartenenza e di identità. Il coinvolgimento deve però riguardare tutti, istituzioni, associazioni, imprese, cittadini. Tutti devono contribuire a migliorare le sorti del proprio territorio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Babbo Natale in corsia. Doni e sorrisi per i piccoli degenti

Maria Beatrice Crisci – Anche questa anno Babbo Natale non ha fatto mancare doni, sorrisi e tanto entusiasmo ai piccoli degenti del reparto pediatrico, ai bambini e ai ricoverati in

Arte

Senso e Gesto, a Camerota i casertani Trepiccione e Vanacore

Luigi Fusco -È in corso presso Palazzo Santa Maria-Casa della Cultura e delle Arti di Camerota la mostra “Senso e Gesto”, a cura di don Gianni Citro Presidente della Fondazione

Arte

Archeologia e contemporaneo, patto d’arte tra Mann e Madre

Con la firma di un protocollo d’intesa, il Museo Archeologico Nazionale  di Napoli e la Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee/Museo Madre, due istituti impegnati in attività di valorizzazione internazionale e fortemente presenti nel proprio territorio, danno