Sant’Agata, la città di Capua festeggia la sua patrona

Sant’Agata, la città di Capua festeggia la sua patrona

Luigi Fusco

-La città di Capua si prepara a festeggiare la sua santa patrona Agata in occasione della sua ricorrenza
prevista per domenica 5 febbraio.
Sarà Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Salvatore Visco, Arcivescovo della Diocesi di Capua, a
celebrare la Santa Messa che si terrà, alle 11.30, in Cattedrale.
I capuani sono molto legati a Sant’Agata, nata e vissuta a Catania nel III secolo, e la loro venerazione ha
origine dall’arrivo in città, al tempo dei longobardi, della sua preziosa mammella.
Ad Agata sono, inoltre, legati una serie di eventi prodigiosi rimasti nella memoria collettiva locale,
soprattutto per quanto riguarda la vicenda dell’invenzione della sua reliquia.
Secondo la tradizione, la sua mammella era stata collocata, da tempo immemore, all’interno di un piccolo
tempio innalzato al di sopra del monumentale campanile romanico del duomo. A seguito del suo crollo,
avvenuto durante il terremoto del 1456, venne ritrovata dal cardinale Giordano Caetani d’Aragona che le
diede una nuova sistemazione all’interno della Cappella del Tesoro.
Come da consuetudine secolare, durante la sua solennità viene ancora oggi esposto in cattedrale il suo
busto reliquiario in argento, opera realizzata, agli inizi del Settecento, dall’orefice napoletano Giovan
Battista Buonacquisto.
Invocata contro la peste, ma anche per arrestare eruzioni e terremoti, la consueta iconografia di Sant’Agata è, spesso, assimilabile a quella di un’eroica popolana: mistica e sensuale allo stesso tempo.
Nella stessa cattedrale capuana si conserva, poi, anche un pezzo del manto che, secondo la leggenda,
venne utilizzato da una pia donna per coprirla mentre veniva martorizzata sui carboni ardenti.
Un’altra versione del medesimo prodigio riporta, invece, che lo stesso mantello era di colore bianco e
divenne rosso al solo contatto con il fuoco della fatidica brace del supplizio.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1067 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Piccoli gladiatori crescono, giugno è il mese del Mann for Kids

Luigi Fusco – MANN for Kids è l’iniziativa per bambini e ragazzi organizzata dal Servizio Educativo del Museo Nazionale Archeologico di Napoli prevista per tutto il mese di giugno. All’interno

Comunicati

Dolore sotto chiave/Sik Sik, Carlo Cecchi al Teatro Comunale

Claudio Sacco -Carlo Cecchi porta in scena “Dolore sotto chiave/Sik Sik l’artefice magico” di Eduardo De Filippo, al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta. Appuntamento da venerdì 25 a domenica

Primo piano

Caserta, al via da oggi il servizio di mobilità condivisa Reby

Parte oggi anche a Caserta, seconda città campana dopo Napoli, la sperimentazione di monopattini elettrici in sharing. In questa prima fase saranno 120 i mezzi messi a disposizione da Reby,