Serata-tributo all’Anfiteatro. Omaggio a Silvestro Montanaro

Serata-tributo all’Anfiteatro. Omaggio a Silvestro Montanaro

Sabato 19 settembre, a partire dalle ore 21.30, nella splendida cornice dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere (ingresso gratuito), si terrà una serata-tributo in onore del giornalista e scrittore Silvestro Montanaro, deceduto lo scorso 10 luglio. 
Nato a Sora nel 1954, Montanaro cominciò la sua carriera di giornalista come corrispondente di “Paese Sera” prima e de “L’Unità” poi. Successivamente, per anni, scrisse per “Voce della Campania”, dove si occupò di camorra. Dalla fine degli anni ’80 il giornalista approdò in Rai, collaborando e firmando con Michele Santoro in trasmissioni di punta della Rete come “Samarcanda”, “Rosso e il Nero” e “Tempo Reale”. Qualche anno dopo diventò autore del programma “C’era una volta” e conduttore della trasmissione “Dagli Appennini alle Ande”. 
Nel corso della sua carriera Montanaro girò in lungo e in largo il Mondo per raccontarne le ingiustizie e i sogni con lo sguardo del vero giornalista. I suoi documentari hanno accompagnato numerose campagne di verità e di difesa dei diritti umani, ricevendo, sia in Italia che all’estero, i più prestigiosi riconoscimenti.
“Il vero giornalista – diceva Silvestro Montanaro – entra nei palazzi del potere solo quando deve e sempre a testa alta. Rappresenta infatti la voglia di conoscenza critica della gente. Da quei palazzi quindi non accetterà mai ordini o facili verità. L’unico padrone di un giornalista infatti è il racconto veritiero e critico della realtà ed il suo unico e vero editore sono i lettori ed i telespettatori”.
Nel corso della serata a Santa Maria Capua Vetere, moderata da Edgardo Olimpo, sarà proiettato il suo ultimo lavoro: “E quel giorno uccisero la felicità”, straordinario documentario che racconta la storia di Thomas Sankara, presidente del Burkina Faso, ucciso perché le sue idee e la sua lotta divennero presto un modello virtuoso da imitare tanto da essere considerato, ancora oggi, un eroe in moltissimi paesi africani.

Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7782 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Concerto Avion Travel, un “Privé” che piace tanto al pubblico

Marco Cutillo – Il Settembre al Borgo targato Enzo Avitabile continua a emozionare attraverso la musica. E chi, meglio di un gruppo casertano, poteva scaldare gli animi della folta platea

Economia 0 Comments

La Confindustria Caserta rinnova le cariche sociali per la Sezione Ance

L’Assemblea generale dei soci della Sezione Ance di Confindustria Caserta, convocata per oggi presso la sede sociale, ha rinnovato le cariche per il prossimo triennio 2016/2019: rieletto all’unanimita’ il Presidente

Primo piano 0 Comments

Villa del Parnaso risorge dal degrado a Torre Annunziata

Mario Caldara Mare, archeologia, cultura. Questi sono i tre pilastri su cui poggia la crescita della Campania, regione che ha un’importante occasione di rilancio nella valorizzazione dei propri “tesori”. Torre

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply